Tuesday, January 30, 2007

Enjoy the Silence...



(Ehy! What's that mess with the trench coat? Cos'è quel casino con l'impermeabile?)


(Now it's better... Molto meglio così)

My throat hasn’t made me very happy recently. It’s 3 days since I lost my voice after Winter Univerisade party. Now I’m healing, but I spent hours with my speech sounding like Hush

It’s probably a way to say less bullshit than usual…

Anyway, I’d like to support Andy Diggle 's last post on Eagle Awords 2006. For those that do not know, it’s a british award about comics pro.
I would be happy to see Tom Frame’s name on the roll of honour. He was a great letterist. Sometime people doesn’t pay attention about the lettering, maybe distracted by drawing or story. But it’s a very important part of a comic-book, since it’s the only way we have to suggest the voice of our characters. Lettering has grown during years, becoming a real designing job. Just consider ballons of characters like Spawn, Iron-man or Martian Manhunter and you’ll understand what I mean…
Oh, please, just vote for Dylan Dog as best European Comic-book. It has reached its 20 years since first issue and it’s one of the best Italian comic ever!




La mia gola sta facendo brutti scherzi. È da tre giorni che sono senza voce, dopo la notte bianca della fine dell’Universiade. Adesso va leggermente meglio, ma ho passato ore a parlare con la stessa voce di Hush…

Il vantaggio per chi mi è stato attorno è che mi ha sentito dire meno cazzate del solito…


Ad ogni modo, vorrei unirmi all’appello che lo scrittore Andy Diggle ha fatto sul suo blog, circa l’Eagle Awards 2006. Per quelli che non lo sanno, si tratta di un premio inglese dato ai professionisti del fumetto.
Mi piacerebbe vedere il nome di Tom Frame sul roll of honour. Tom è stato un grande “letterist” ed è morto pochi mesi fa. Spesso chi legge un fumetto non si sofferma sul lettering, distratto dai disegni e dalla storia. In realtà è importantissimo, perché è l’unico modo per attribuire “il sonoro” alla storia. Con l’uso del computer il lettering è cresciuto sempre di più, diventando un lavoro da veri graphic designer. Se pensate ai ballon di personaggi come Spawn, Iron-Man e Martian Manhunter, potete capire cosa intendo…
Inoltre non dimenticatevi di votare Dylan Dog come migliore fumetto europeo. Ormai il caro Dylan esiste da 20 anni ed è un vero cult! Facciamo sentire la nostra voce di Italiani!!!

The Eagle Awards 2006 - Nomination Form
(my nominations)




  • Fav writer JEPH LOEB


  • Fav writer/artist JIM LEE


  • Fav penciller STEVE MCNIVEN


  • Fav inker SANDRA HOPE


  • Fav painter LEE BERMEJO


  • Fav clourist ALEX SINCLAIR


  • Fav letterer TOM FRAME


  • Fav publisher DC


  • Fav american color comic book GREEN LANTERN


  • Fav new comic book CIVIL WAR


  • Fav manga NARUTO


  • Fav European Comic DYLAN DOG


  • Fav 2006 story CIVIL WAR


  • Fav 2006 cover SUPERMAN/BATMAN #30


  • Fav 2006 graphic novel PRIDE OF BAGHDAD


  • Fav reprint ABSOLUTE HUSH


  • Fav character BATMAN


  • Fav villain IRON MAN


  • Fav comic-magazine WIZARD


  • Fav comic-related book THE PHYSICS OF SUPERHEROES


  • Fav comic based movie or TV BATMAN BEGINS


  • Fav comic-related site NEWSARAMA


  • Roll of honour TOM FRAME


See You Silent Cowboy...


(wow! beyond 2000 visits! Oltre le 2000 visite!)

Friday, January 26, 2007

...Never forget...





27th January is, in Italy and in many other nations in the world, the annual International Day of Commemoration in memory of the victims of the Holocaust.

I took these pictures in December 2002 when I visited Dachau Concentracion Camp.
It was one of the most strong and absolutely frightening experiences in my life. Once I crossed the entrance, I entered a completely different dimension. The silence was flattening and unreal. No birds sang. I dunno if it was only caused by the season. The space around was huge and wide. Only two of the small barracs were rebuilted.
The presence of the other 32 blocks were marked by concrete stripes on the ground. The steps on the ground made cracking sounds, just like old guns amplified by echo. A chilling wind blowed down to the bones.

When I walked there I felt pain in deeper way. Just like the ground and the air was filled with it. And glancing at the chimney almost took away my breath.



I felt like I needed to cry and I couldn't.



Every year since then, I cannot help but spending some time to remember and know more about this tragedy.
And I hope that one day my children won't have reasons to ask me why things like that continue to happen...




Il 27 gennaio è il giorno della memoria. Le foto che vedete sono state scattate a dicembre 2002, durante la visita che ho fatto al campo di concentramento di Dachau. Nonostante siano passati un po' di anni, la considero ancora oggi una delle più agghiaccianti esperienze della mia vita. Entrare lì dentro significa trovarsi in un' altra dimensione.
Una delle cose che ricordo di più era il silenzio. Nonostante vi fossero parecchie persone in visita, c'era un silenzio schiacciante.
Nel cielo non volava nemmeno un uccello, anche se forse era dovuto anche alla stagione. Tutt'intorno vi era uno spazio larghissimo. Di tutte le 32 baracche, solo due erano visibili, ricostruite anni dopo la liberazione. Le altre erano segnalate con un perimetro di cemento che ne mostrava le dimensioni.
Il rumore dei passi sulla ghiaia suonava un ritmico - CRACK!- che faceva pensare ai colpi di pistola. Il vento era così freddo che ti entrava nelle ossa.

Camminare in quei luoghi è stato come sentire il dolore in un maniera più profonda e torbida. Era come se tutta la terra e l'aria intorno ne fosse pervasa. E guardare il camino ergersi in quel cielo così duro e pallido ti impediva quasi di respirare.




Mi sentivo come se avessi un'immensa voglia di piangere a dirotto, eppure le lacrime e i singhiozzi non riuscivano ad uscire.



Da allora, ogni anno non posso fare a meno di spendere un po' di tempo per riflettere e saperne di più su questa grande tragedia. Sperando che, se un giorno avrò un figlio, non ci siano più i presupposti perchè mi chieda come mai cose simili continuino ad accadere.


Dachau official site

The Holocaust and the United Nations

Saturday, January 20, 2007

My Matrix Girlfriend...



Since I'm a prisoner of the EXAM ZONE, I cannot post new stuff. No time to produce new art at all. But I still have some ol' extras to show...

For example, this is a drawing I did for my girlfriend Gisella three years ago. It was just after the Matrix sequels, that we both apprecieted a lot. So I gave her this gift in wich she's pictured in a "Trinity" way.

For those that understand italian (even just a little) here is the link to my girlfriend's blog. She's a young journalist, keen on chick-lit and you'll find that her Pink Coffee is absolutely spicy!





Da quando sono prigioniero nella DIMENSIONE ESAMI, non sono riuscito a prudurre granchè di nuovo. Mi manca letteralmente il tempo per farlo. Tuttavia ho ancora qualche piccolo asso nella manica da mostrare.

Uno di questi è il disegno che vedete. E' un regalo che ho fatto alla mia ragazza Gisella tre anni fa. I due seguiti di Matrix erano usciti nei cinema e così ho pensato di disegnarla in questa veste ( un po' Trinity, un po' manga).

Già che ci sono, aggiungo il link al blog di Gis. Lei è una giornalista appassionata di chick-lit e scoprirete presto che il suo caffè rosa è alquanto speziato...



(HEY! Ma se lei è la fidanzata giornalista, significa che io sono il supereroe!!! :-)

Sunday, January 14, 2007

Clobbering Time!!! (Tempo di distruzione!!)



This is a real new experiment. I saw many and many artists on their blog colouring digitally. I worked with Photoshop a lot, but this time I tried to get the best from my Wacom Tablet.

So here's Benn Grimm!

And I want to thank Roc, Todd Harris and Leon, whose work on the blog really inspired me on this direction.



Questo è davvero un esperimento. Facendo blogsurfing in questi mesi ho visto il lavoro di molti disegnatori colorato in digitale. Lavoro con Photoshop da tempo, ma questo volta ho provato a ottenere di più dalla mia tavoletta grafica, in modo da non allontanarmi troppo dalle tecniche tradizionali.

Ecco a voi Ben Grimm, la Cosa dei Fantastici Quattro.

E ci tengo a ringraziare Roc, Todd Harris and Leon, i cui lavori sui rispettivi blog mi hanno ispirato parecchio in questa direzione.


See You Digital Cowboy!

Thursday, January 11, 2007

Converting the Great Stag





Unfortunately holidays are over and exams are back. And while new taskes come, I can show you the legacy of my Xmas free days.
This is my Great Stag convertion for the Wood Elves Warhammer Army.
The miniature is a normal Elven Steed, with a Highborn hero riding. I sculpted with milliput the many differences between a horse and a stag.
It's my first sculpting experiment since I was in primary school and I'm enough happy to show it on the blog.

Now I have to go back to my studies...



Purtroppo le vacanze sono finite e sono ritornati gli esami. E mentre una serie di nuovi impegni mi sommerge, ci tengo a pubblicare l'eredità ultima di quei giorni con un bel po' di tempo libero in più. Ecco la conversione del mio Grande Cervo, per l'esercito di Warhammer degli Elfi Silvani. Le miniature sono quelle di un normalissimo destriero elfico con un Sire in arcione. In verde però ci sono le differenze che ho scolpito in milliput, per trasformare un semplice cavallo in un cervo...
Si tratta del mio primo esperimento di scultura dai tempi delle elementari!!!

Ora mi tocca tornare a studiare...



See you Wood Cowboy!

Wednesday, January 03, 2007

Abracadabra...



Christopher Nolan is a genius. Definitely. Yesterday evening I saw "The Prestige" and I'm still amazed. The movie is cool, well acted and with a dynamic cut. Not only is a fascinating story about two rival illusionists, but the storytelling flow is totally conceived as a magic trick. Or a lot of magic tricks… There’s no director as smart as Nolan with the use of flashbacks, so the spectators are more and more captured by the plot, trying to understand the final piece of the puzzle. Who’s the murderer and how this act was made? The answer is obviously in the last part of the illusion, the prestige
For those that just cannot resist to sneak peak, mind the trick of the old Chinese illusionist. That’s really the point of the movie… or maybe it’s just an illusion…

The picture is a photographic composition I’ve made today, inspired by the movie.
Photoshop is my real wizard wand!


Christopher Nolan è un genio. Davvero. Ieri sera sono andato al cinema con Gis e abbiamo visto “The Prestige”. Era talmente figo che sono ancora elettrizzato adesso!
La storia parla di una sanguinosa rivalità tra due illusionisti della Londra dei primi del Novecento. Tuttavia, la struttura narrativa è costruita in toto come se lo spettatore stesse guardando un numero di magia. La sensazione è resa magistralmente dall’uso che Nolan fa dei flashback. Pochi registi sono bravi come lui da questo punto di vista.
Così si resta catturati dalla trama, in attesa di carpire l’ultimo pezzo del puzzle. Chi è l’assassino e qual è il suo movente? La risposta non può essere che nell’ultima parte dell’illusione, chiamata appunto il
prestigio
A quelli che decideranno di andarlo a vedere consiglio di guardare con attenzione il numero dell’illusionista cinese. Quello è davvero il punto nevralgico del film… o forse sto solo, magicamente, cercando di illudervi…

L’immagine di cui sopra l’ho composta proprio oggi, sull’onda del film.
In questo caso credo proprio di poter dire che sia Photoshop la mia bacchetta magica…


SEe YoU mAGic cOwbOY...