Saturday, April 26, 2008

Grillo a Torino





Bisogna ammetterlo, le piazzate di Beppe Grillo hanno un chè di catartico.
Sono ovviamente costruite ad hoc, ma ce l'hanno ugualmente.

Ora, io non sono un superfan del Grillo nazionale. So che fa tanto, ma tanto populismo.
C'è anche da dire che sui macro argomenti ha ragione da vendere.
Insomma, ma avere dei giornali che facciano informazione, è chiedere tanto?
Politici con un po' di onestà e dignità?
Non dico banche che non ti tirino il collo, ma almeno che non facciano truffe pseudolegalizzate.
E soprattutto simpatiche interazioni sistemiche di malaffare tra tutte le categorie citate.

Pare che per l'eco-sostenibilità il pensiero sistemico non sfondi, ma se si parla di manipolazione e corruzione, i collegamenti si sprechino...

Insomma, il grosso problema qui, Grillo o non Grillo, è che il cittadino medio va a farsi fottere.
E la sua unica speranza è fare il servo finchè, leccando culi in scala gerarchica, non riuscirà a far parte della giusta cerchia anche lui.

Mi sembra che margini di miglioramento ce ne siano praticamente in ogni direzione...

Vi beccate l'intervento di Travaglio, che io stimo a livelli galattici, e il link al post di Sandrone Dazieri sulla grillanza. Un parere "contro" che vale la pena di leggere, per restare equilibrati...

No comments: