Monday, September 15, 2008

"Ma se suo figlio è strano, non deve portarlo tra la gente..."


Rigiro da Diegozilla, che rigira da altri, QUESTO tristissimo episodio successo recentemente a Black Cat nel Carrefour di Assago.
Segnalate e commentate, please.

Il Carrefour, ma tutti gli ipermercati in generale, hanno il potere straniante di de-umanizzare. Specialmente al sabato pomeriggio, quando accorre il micro-mondo-intero per il rito della spesa.
Succedono le cose più allucinanti.
Due settimane fa ho visto un vecchio pazzo sfiorare l'infarto, mentre inveiva sbavando contro un mezzo truzzo per il turno alla cassa. E la gente osservava,
apparentemente distratta ma segretamente ammaliata.
E il pensiero più comune era: "ma IO son mica così, io..."


Non c'è mai da giurarci.
Intanto, se riesco, all'ipermercato ci vado al martedì o al giovedì...




P.S.: il logo del Carrefour, ruotato di 90°, sembra una faccina inquietante...

11 comments:

imp.bianco said...

Che schifo...

X-Bye

Thirrin said...

quoto imp.
CHE SCHIFO! mi vergogno della razza umana.

buona giornata :)

Thirrin said...

dimenticavo: aggiungo il tuo blog ai miei link, non ti dispiace, vero? :)

Baol said...

:'(

Fabrizio said...

@ Thirrin:
ci mancherebbe. Essere linkati è sempre un bel regalo :D

Gisella said...

E' dimostrato che il Carrefour è una brutta bestia. Ma forse l'insensibilità delle persone - e la mancanza di professionalità, in questo caso - sono anche peggio.

Lo Sparviero said...

Disgustoso... Non e' perche' la tua vita va' a puttane devi scaricare tutto su coloro che non hanno alcuna colpa. Posso capire che sia un lavoro palloso o poco gratificante ma... "Se suo figlio e' strano non lo porti in mezzo alla gente".
Brava! Bella professionalita'! Questo si' che e' parlare, proprio da persone mature anche!
Bella civilta'...

リチャ・Licia said...

Madò, la gente sta andando via di testa.
Ma come cavolo si fa?!
Senza parole.

Hanuman said...

a volte ti dispiace, il fatto che la violenza non risolva nulla...

licia said...

Complimentoni a tutti i protagonisti di questa storia, dal fotografo, alla commessa idiota, agli astanti che si sono goduti la scenetta senza indignarsi, senza ribellarsi.
Ma ormai è evidente che nella nostra società o sei un maschio alfa, o è meglio che muori.

Fabrizio said...

@ Gis, Sparviero, Licia(Slice of Sky):
basitissimo quanto voi.
E ho persino inserito nel post le leggere attenuanti della "normale" spersonalizzazione da Carrefour. Ho conosciuto gente che ci lavorava e ho sentito le storie più pittoresche.
Beh, nonostante questo, trovo che l'episodio resti incommensurabilmente penoso.

Gli scienziati si interrogheranno a lungo sui buchi neri nel cervello...


@ Hanuman:
ma sai, una bella papagna a quel fotografo... ;)

@ Licia (Tra Cielo E Terra):
mi sono chiesto anche io la stessa cosa. Viene citato anche l'omino della Sicurezza, che aveva capito e non è intervenuto.
Sono convinto che la cosa sia successa perchè cercano di evitare i casini nei Carrefour.
Molto più sicuro umiliare un bambino autistico, piuttosto che rischiare un litigio tra una decina di clienti...

Due parole,
SCHIFO SOVRANO

Fab