Saturday, March 29, 2008

Vaffancool...

Mi chiamo Cidippo
Vivo a Milano
Ho lo studio in
Zona Tortona.
Seguo tendenze,
Nella vita faccio
Il cool hunter.

Il cool hunter?!!
(Ma che mestiere è…?)


Quando lavoro
Nel mio studio
In Zona Tortona
(Una vecchia fabbrica
Ormai dismessa)
Mi chiedo cosa
Penserebbero
Gli operai adesso
Di tutta questa
Moda
Di tutto questo
Style.

Culturalmente
Capirebbero?

Senti Cidippo
Sì?
Ascolta bene…
Dimmi

…MA VAFFANCOOLO…!

Friday, March 28, 2008

L'omino sul cesso colpisce ancora...



I'm composin' the frames for a powerpoint preview of the storyboard.
I looked at this and found it funny...! :-D



Sto montando la presentazione Powerpoint dello storyboard per la tesi.
Così ho provato a fare questa piccola animazioncina.
A me fa ridere, ma io rido anche per quello che sento da Bruno Vespa, quindi forse non faccio testo...! :-D

Thursday, March 27, 2008

Medical Division
I'm alive. Don't worry.
This morning I went to the examination at the dermatology hospital. They totally guarantee that it's not a venereal illness. My doctor suspected about a "terrible" herpess. Well, actually it was an absolutely harmless cyst that will probably go away soon.
I imagined something similar, since I always, always use condoms.
Anyway, that pain at the groin continues, even if it's less intense.
Now i guess three possibilities:
  1. My doctor gave me a ointment to cure herpes. Since the cure was wrong, my body could react against it.
  2. It's a muscle matter. I did an excessive strain. Clear and simple. That's why the top of the thig hurts ( I broke one of the Holy Rules Of Laziness:"never help your mother moving furnitures...!" >:-)
  3. It's a urology matter.

I'm going to the doctor, trying to solve things. But I'm not worried anymore and I think that hospital can wait... ;-)

Next time I'll post drawings: this blog is becoming Doc. House's one!

[......UPDATE......]

The doctor has excluded option #1 and #3. It can be a muscle strain or a hernia. Probably a simple muscle strain...

Well, I hope it!

Next time I'll evolve telekinesis instead of moving furnitures...!!!

.
.
Sono ancora vivo. Don't worry.
Stamattina sono andato al dermatologico e hanno totalmente escluso qualsiasi implicazione. Il "terribile" herpes che sospettava il mio medico generico si è rivelato una piccola ciste benigna, assolutamente innoqua e che probabilmente presto se ne andrà.
Segno che essere accorti, protetti e fedeli paga.

Purtroppo il dolore che avevo all'inguine resta, anche se si sta attenuando.
Ora le ipotesi sono tre:

  1. Il mio medico, ciccando la cura, ha consigliato una pomata che mi ha fatto reazione. Ecco spiegato il dolore.
  2. Il pregresso non c'entra niente. E' un dolore muscolare per uno sforzo che ho fatto con la gamba. (rompendo la Sacra Regola della Pigrizia "non aiutare tua madre a spostare i mobili...!" >:-)
  3. E' una questione urologica.

In ogni caso, oggi andrò ancora in visita e vedrò di sistemare la cosa. Ma la fuga disperata al Pronto Soccorso mi sembra ormai abbastanza lontana... ;-)

La prossima volta posto disegni, chè 'sto blog adesso sembra quello del Dr House!

[......UPDATE......]

Il medico ha escluso le opzioni numero 1 e 3. Con buona probabilità è uno strappo muscolare, anche se potrebbe essere una mini ernia.

Sinceramente spero proprio di no...

Comunque col cavolo che li sposto i mobili la prossima volta!!!

Photo by Nellee100

Wednesday, March 26, 2008

Sometime I wish I had a Kryptonian physiology...



Today I'm not fine, absolutely. I have a gland that hurts like hell. Tomorrow morning I'll have an examination, and I'm trying to hang in, with a little help from painkillers. But I seriously considered to go to the hospital hours ago...
Probably it's not a serious thing.

But it's annoying for sure...



Oggi non sto bene per niente. Ho una ghiandola che si è gonfiata e mi fa un male cane. Domattina, prima che le galline si sveglino, avrò una visita medica. Quindi sto cercando di resistere e mi sto imbottendo di antidolorifici. Ma qualche ora fa ho pensato sul serio di andare al pronto soccorso.
In realtà non dovrebbe essere una cosa seria.
Ma di sicuro è una gran rottura di scatole...

Tuesday, March 25, 2008

Una libbra di carne di Vauro Siamo alle solite calimero: il bavaglio colpisce ancora...
Vauro è stato accusato di antisemitismo per colpa di una sua vignetta.
Cliccate qui per approfondire meglio.

Mi pare che l'accusa sia decisamente infondata. Ci si scandalizza per la presenza del fascio vicino alla Stella di David, chiaramente simbolica. Non ci si interroga affatto sull'avvicinamento dei due simboli in politica: la presenza nel PDL di un'ebrea come Fiamma Nirenstein insieme ad un riconosciuto fascista come Ciarrapico (che oltre alla camicia, di nero ha pure la fedina penale...)

Sembrava che la Nirenstein non fosse d'accordo, ma pare che le liste non siano state modificate. Nessuno dei due si sogna nemmeno di lasciare il PDL.

Insomma, finchè la barca va, lasciala andare...

Questa accusa nei confronti di Vauro, basata sulla manipolazione del vero messaggio della vignetta, mi ricorda una bella intervista che ho visto un anno fa, sulla scomparsa dei fatti. E' un po' lunghetta, ma la allego ugualmente.

Deviazione, manipolazione, censura. Sono queste le cose che ci aspettano con il Popolo della Libertà degli Interessi e dell'Incoerenza delle Idee?






[UPDATE: lettera aperta]

Signora Nirenstein,
io proprio non riesco a capire.
Sarà che sono un uomo della strada, sarà che la mia cultura arriva fino ad un certo punto, ma proprio non riesco a portare il mio cuore oltre lo steccato.

Io non riesco davvero a capire come faccia a giustificare la candidatura di Ciarrapico nello stesso partito in cui opera anche lei.
Come fa a limitare la cosa lavandosene le mani e lasciando l’onere presumibilmente a chi voterà?
Come si può chiudere la questione con un semplice “Se ci sono ancora due persone che si dichiarano nostalgiche all'interno del Popolo delle Libertà, saranno emarginate dal loro stesso errore”?
Da chi? Quando? Dagli elettori al voto? Ma non sarà un po’ tardi?
Il PDL afferma di voler entrare nel Partito Popolare Europeo e si presenta come guida per l’Italia del futuro prossimo. Voci autorevoli dicono che il nostro paese si basi ancora – grazie a dio – su una democrazia rappresentativa. Sulla base di questo, come può essere credibile davanti agli elettori se accetta la candidatura di Ciarrapico? Lei che ha lottato così tanto contro l’antisemitismo? Lei che vive sotto scorta per la minaccia dei terroristi fascisti?
Non è un po’ come se, in un comitato per la pace, Madre Teresa accettasse l’alleanza con Bin Laden?

Io ho scelto la parte politica che difende meglio la lotta conto il terrorismo,(…) gli ebrei e Israele oggi
Lei risponde così. A questo punto la replica genera un’interpretazione, che spero possa essere chiarita, ma che attualmente suona come un: “ho scelto il male minore”.
Poiché il terrorismo palestinese è attualmente il male peggiore, scelgo di supportare la causa israeliana, nonostante mi debba alleare con un aperto sostenitore degli assassini nazi-fascisti. Il fine giustifica i mezzi.
L’interpretazione di questa risposta fa intuire che per lei l’attuale lotta al terrorismo palestinese è più importante del sangue e delle radici passate.
Non potendo negoziare con il boss, ha scelto un compromesso.

Se questa è la sua motivazione, Io personalmente non l’accetto, ma la trovo quasi comprensibile.

La renda però più chiara nei suoi prossimi discorsi elettorali. Dica: “Per me la Shoah è meno importante di quel che sta succedendo ora, quindi ho fatto questa scelta”.
Così è tutto più comprensibile.
Oppure rettifichi, perché altrimenti i rappresentati (o rappresentabili) potrebbero non capire.

A me questa scelta del male minore spaventa un po’. A dirla tutta, già mi vergogno del fatto che cose paragonabili alla Shoah siano ancora successe in Ruwanda, nella ex-Iugoslavia e probabilmente in altre parti ancora. Me ne vergogno già ora per quando mi troverò a spiegarle ai miei futuri figli.
Me ne vergogno perché, pur non essendo ebreo, vedo la Shoah come una gigantesca ferita nel corpo dell’umanità intera. E non essendo ebreo, probabilmente immagino solo lontanamente il dolore, la rabbia e la paura che questa può aver causato.
Trovo quindi che perdere di vista quelle radici sia il modo migliore per smarrire contemporaneamente il sentiero della pace.
Ma si sa, sono opinioni…


Passiamo dal generale al particolare.
Discorso Vauro.
Vauro è un professionista del suo settore. Sa usare il linguaggio proprio del fumetto da vero maestro. E credo che lo stesso
Will Eisner approverebbe.
Il linguaggio che usa Vauro è immediato, diretto e dissacrante. Ha lo spazio di un’unica vignetta per dire la sua. In questo caso mettere in luce l’incoerenza (o la rottura?) con la Shoah che la sua scelta porta.
Mi sembra evidentissimo. Il significato mette in luce una domanda, decisamente legittima, che può nascere nella testa di un elettore.
Le chiedo,
se si improvvisasse sceneggiatrice di fumetti, come avrebbe descritto ironicamente questa dicotomia?
Mi chiedo poi io: perché, se la vignetta pungeva la sua personale incoerenza, Vauro deve essere tacciato di antisemitismo? L’obiettivo era lei, non gli ebrei in generale.
Se lei accetta di essere incoerente nel suo percorso, anche se è solo per una volta, anche se è per uno scopo determinato, deve anche accettare che questa incoerenza le venga presentata nel conto. Fa parte del prezzo.

Tra le tante cose che non riesco a capire, perché sono un uomo della strada e la mia cultura arriva fino ad un certo punto, c’è questo salto di comodo dal particolare al generale. E’ forse più facile accusare Vauro di antisemitismo, piuttosto che rendere conto delle proprie incoerenze?

Se un israeliano uccide un uomo, è un assassino come un palestinese che uccide un altro uomo. Mi sembra lapalissiano.
Se qualcuno dice che il tale israeliano è un assassino, chi ha pronunciato l'accusa è un antisemita? Non mi pare. E’ quel tale che è un omicida, indipendentemente dalla sua religione e dalla sua nazionalità.

Allo stesso modo, se lei è incoerente e Vauro usa il suo linguaggio per accusarla, lei può di sicuro offendersi. Può criticarlo. Può dire tante cose. Ma non può dire che Vauro è antisemita, perché in quella vignetta accusa lei, non gli ebrei.
Gli dica che è uno stronzo, che fa ridere i polli. Ma se lei dice che Vauro è antisemita, manipola il senso della vignetta. E non risponde a proposito.

Non solo. A me sembra che non ci sia antisemitismo anche quando l’obiettivo di Vauro è Israele. Perché se è vero che gli israeliani sono ebrei, non è vero che tutti gli ebrei sono israeliani. Inoltre Israele è una nazione con una sua politica ed un suo esercito. Ciò che fa non è per forza legato alla religione ebraica, ma soprattutto e criticabile in un ambito politico e militare. Non per forza religioso.


Forse, se lei avesse fatto una vignetta su Vauro, disegnandola anche male, ne sarebbe uscita in modo meno drastico, bacchettone e incoerente.
Ma si sa, quello è carattere…


La ringrazio per l’attenzione e le faccio i migliori auguri per la sua lotta su un tema così importante.


Distinti saluti,

Fabrizio Furchì

Monday, March 24, 2008

Pasquetta Fantasy


Yesterday I saw this
Nella mia Pasquetta fantasy ho visto questo



and this.............e questo



The fact is that in Piemonte you cannot have 400 people living in the same town without having a castle. Really! We've got lots of them!

Il fatto è che qui in Piemonte non puoi avere 400 abitanti in un paese senza averci pure un castello... Così hai l'imbarazzo della scelta...

Ah, ho mangiato qui. Amici celiaci vicini e lontani, se vi capita, sappiate che è una squisitezza...!


At home I saw this:
Quando sono tornato ho visto questo:



I know, it'sooooo silly, but... damn... I can't stop laughing! :P

Lo so che è scemo a livelli inverosimili, ma io con Asterix mi ci rotolo senza pietà. E' più forte di me! :P


Photo by Renaud Camus & antocsc

Friday, March 21, 2008

A new definition...

We’re almost there. It’s Easter again. I’m not that religious and often find morale boring. But they often say that this is a moment of reflection too.

Well, y’know, there is something in my mind…

Peace.

Go an seek a definition on the dictionary. Any dictionary.
Read.
Don’t you find anything strange? Really?

Now search for a definition of War.
And try to find in the text the word “peace”.

It’s absent…

We all know what war is. Wounds are shown since ancient ages. We see it as a sad, bloody thing. But we also consider it inescapable. Indeed, one of the many bad things of human beings.

We know what war is in such a complete way that we even define Peace as the lack of it.
Could look crazy, but while war has its own definition, we have to quote it while we explain what Peace is.
Just like War was the normal thing.

Some of you can think that it’s not that important. A silly thing.
But truly it isn’t so. The language of people is the shape of their mind.
Our language is the mirror of our culture.

I think that in the future we should find a new definition for Peace.
One that doesn’t reduce its value tu the merely contrary of War.

Luckily Wikipedia can see beyond normal dictionaries.


Happy Easter to everyone!




Ci siamo quasi. Pasqua e Pasquetta. Tempo di colombe, uova, gite fuori porta. Con i tuoi o ancora meglio con chi vuoi.

Io non sono particolarmente religioso o bacchettone. Le morali le trovo sempre abbastanza pallose. Tuttavia dicono che questa festa dovrebbe anche essere un piccolo momento di riflessione.

Beh, c'è una cosa che mi frulla in testa da un po'...


La Pace.

Andate a cercarne la definizione su un vocabolario. Uno qualsiasi.
Leggete.
Non trovate nulla di strano? Proprio niente?

Allora andate a cercare la definizione di Guerra.
E guardate nel testo se c'è la parola Pace.

Non c'è...


Sappiamo tutti cosa sia la guerra. L'umanità trascina le proprie cicatrici dall'alba dei tempi. La vediamo come una cosa triste, sanguinaria. Eppure, nonostante ci sia addirittura un Cavaliere dell'Apocalisse dedicato, la consideriamo quasi come una cosa ineluttabile.
Uno dei tanti inevitabili mali congeniti dell'umanità.

Sappiamo così bene cosa sia la guerra da definire la Pace come una mancanza o l'inverso della suddetta.
Sembra pazzesco, ma mentre la guerra ha una sua definizione propria, siamo comunque costretti a citarla, quando spieghiamo cosa sia la Pace.
Come se fosse la Guerra la normalità.

Alcuni potranno pensare che questo sia un dettaglio insignificante, una bazzeccola.
In realtà non è così. La lingua di un popolo è la forma dei suoi pensieri.
La nostra lingua è lo specchio della nostra cultura.

Io credo che nel nostro futuro dovremmo trovare una nuova definizione di Pace.
Una che non ne riduca il valore ad un semplice contrario di Guerra...


Fortunatamente Wikipedia è già più avanti dei normali vocabolari.


Buona Pasqua a tutti quanti!

Wednesday, March 19, 2008

Weird but true

I'm doing a storyboard related to my thesis
and...
...well...

this is part of it!


Strano ma vero, anche questo è tesi.
Mi prenderanno sul serio?

Monday, March 17, 2008

Art 'n' video



Ladies and gentlemen, inspired from the album cover of "Because the night" , another giant of rock. I should say a "she-giant"...
PATTY SMITH!
I have to admit that I really love that song, also when performed by Bruce Springsteen or in the dance remix.
It really rocks!

But this time there's not art only. You'll be able to see the clip from Notorius show whith the song played and my art on the background...

Nuff' said!! :-D


Notorius - the opera



Il testimone viene passato nelle mani di un altro gigante del rock. O forse dovrei dire "gigantessa". Dalla cover dell'album "Because the Night", ladies and gentlemen: PATTY SMITH!
Ora, piccola riflessione: a me quella canzone piace un casino. E non so davvero decidermi sul performer preferito, tra Bruce Springsteen e quelli che hanno fatto la versione dance. Che caso strano, riesce persino a non essere un remix truzzo.
Potete quindi immaginare il piacere di lavorare su questa illustrazione...

Ma questa volta non ho solo disegni, cari miei. Pure il video. Beccatevi il pezzo di Notorius in cui viene eseguita la canzone! Sullo sfondo la mia illustrazione in una sequenza a livelli.

'Nuff said!! :-D

Saturday, March 15, 2008

Animul, Animorc...

Francesco Falconi's new website is online. For those who don't know him, he's the Italian writer of the Estasia fantasy books. He's a very gifted author and I hope his novel will be soon published outside Italy.

Anyway, I designed the graphic stuff for his site. We've been talking about this projet since Lucca Comics and Games in November. The URL came out just yesterday, due to the many commitments we both had.
At first we imagined a flash site, but after a quick benchmarking we soon realized that writers has usually more simple page. They need to update it often and very quickly.
The only one author I saw with a flash site is J.K.Rowling. But she's rich enough to pay a whole studio to do it...
Since Francesco is a fantasy writer, the graphic should tell it immediately. We selected some ideas of fantastic imaginery. We both liked "The Pan's Labyrinth". The movie was so touching and the URL was interesting too. It comunicated all the mood of the film.

We thought that a Magic Forest could be a strong image to use.

The second volume of the Estasia saga has just come out. Francesco sent me the book as a preview some days before I finished the job. When I saw the amazing illustrations of Mario Labieni I was very puzzled... I was afraid to fail and I wanted my graphic to stand the same quality.
After many reviews with Francesco, we finally catched the right concept and the right composition.

Now the site is almost completed and I'm happy about the final work.

You can see the website
here



Il nuovo sito di Francesco Falconi è online. Per quelli che non lo conoscono, lui è lo scrittore della saga fantasy di Estasia. E' un autore bravissimo e spero che presto i suoi romanzi vengano pubblicati anche fuori dall'Italia.

Il design grafico del sito è stato progettato dal sottoscritto. Io e Francesco avevamo iniziato a parlare di questa cosa ancora prima di Lucca Comics & Games a Novembre. A causa dei vari impegni sia miei che di Francesco, il sito è uscito solamente ieri.
All'inizio avevamo immaginato un sito flash, con molte animazioni, simile a quel che viene prodotto per il lancio dei film americani. Tuttavia, è bastato un breve benchmarking per vedere che la direzione dei siti simili era completamente diversa. La maggioranza degli scrittori internazionali usufruisce di siti semplici e aggiornabili velocemente.
L'unica ad avere un sito fortemente caratterizzato da animazioni flash è la Rowling, ma sappiamo bene che lei ha un budget tale da permettersi il lavoro di un intero studio ;-D
In molti casi (vedi Neil Gaiman... ;) il blog era una parte fondamentale, se non la principale.
Abbiamo quindi pensato di fondere il tutto, con un esempio di struttura non troppo distante da quello di Licia.

Ovviamente, essendo Francesco uno scrittore fantasy, l'immagine del sito avrebbe dovuto comunicare immediatamente questo tipo di immaginario.
Sono state così sommate tutte le suggestioni che trovavamo affascinanti e coinvolgenti sul tema. Uno degli spunti più forti e stato dato da "Il Labirinto del Fauno", un film che aveva stregato sia me che Fra. Locandina e sito della pellicola comunicano il tono della storia e catturano lo spettatore.

Abbiamo scelto il tema della Foresta Magica, con un tono un po' dark e misterioso.

Qualche giorno fa mi è arrivato in anteprima il nuovo libro di Francesco. Io stavo ancora lavorando sull'header. Sfogliando le pagine ho visto le illustrazioni fighissime di Mario Labieni e devo ammettere che ho annaspato un pochino.
Volevo assolutamente che la grafica del sito fosse al passo con la qualità delle immagini di Mario! ;-D
Dopo varie revisioni con Francesco e la fase di composizione, il sito ha preso vita.

Ora le varie sezioni sono quasi complete e devo ammettere che il risultato finale mi piace molto.

Potete guardare il sito cliccando qui

Thursday, March 13, 2008


It's five years since I started dating my girlfriend. Time's quick. Anyway, I would do that again and again and again... ;-)


Cinque anni. Passano in fretta, no? Che dici, "ricominciaaaaaamooooo"? ;-)
.
.
Characters made with SouthPark Studio

Rhapsody Faces all over the Wall



Other art I did for Notorius show. This time a roughly sketched portrait of the Queen. When you become a star, your face is a symbol of pop culture. A symbol that maybe can be reproduced on every wall, just like songs are played in every radio...



Un altro lavoro che ho fatto per lo spettacolo Notorius. Questa volta uno sketch dei ritratti dei Queen. Quando diventi una star, la tua faccia si trasforma in un simbolo. Un simbolo che può essere riprodotto su tutti i muri, come le canzoni sono suonate in ogni radio...
The Shadow! The Shadow?! The Shadow...





Spectacular!

I 've found this thank to my friend (and ol' RPG mate) Enrico. It really describes the geekness!! OMG I'm back to the high school!!!! :-D


Fantastico.

Ho scoperto questa cosa grazie al mio amico (e vecchio compagno di GdR) Enrico. Rende veramente bene l'idea delle dinamiche fusissime che si sviluppano durante una sessione di gioco!
Sto tornando indietro nel tempo fino al mio liceo! :-D

Tuesday, March 11, 2008

Why so, Silvio?!

He think he’s Superman
But he has much more in common with Lex Luthor
And usually smiles like the Joker.

Who’s this guy?

Ten days ago Silvio Berlusconi came to make his talk in, here in Torino.
There were all his fan with Silvio's t-shirts, Silvio's caps and Silvio's little flags...

Among other funny things, he criticized the "par condicio law" that rules upon the equal conditions of comunications for every candidate. Simply, it avoids that the owner of the largest number of media in Italy uses these for his own interests.
Such as brainwashing people before the election day...

Say whaaaaat??!

It looks like this person is very similar to Silvio Berlusconi?!

Oh yeah...

Y'know, there are a lot of strange things in Italian politics. Very difficult to explain to strangers. The problem is that some are very difficult to explain to us Italians too...!


Anyway, while Silvio was doin' his show, I was working at a charity sale in a mall. Y’know, the found-rising was to help blind students.
I saw a lot of those typical electors of Silvio. Those coming from medium-upper-class, all wearing ultra-brand-chic-griffes.
They were looking at us, almost disgusted, just like they were thinking:

"Why do you think we're rich? Because we do not lose money on losers' things... EVEN 2 EUROS!"


And polls say this guy is coming back...

SIGH! :-/




Pensa di essere Superman
Ma ha molte più cose in comune con Lex Luthor
E sorride sempre come il
Joker

Ma chi èèèèèè? Ma chi èèèèèè?!


Domenica 2 marzo Silvio è venuto a fare il comizio a Torino.
C'erano tutti i fan con la maglietta di Silvio, Il cappellino di Silvio e la bandierina di Silvio.

Tutti che urlavano: "Viva Silvio!"

Intanto lui annunciava il miracolo della sparizione della par condicio. Nota legge liberticida, voluta dal traditore Casini. Essa impedisce, in campagna elettorale, di vedere reality show del calibro di "Chi vuol esser sottosegretario?".
Il popolo vota, mandando un sms...
A pensarci bene, sarebbe un sistema quasi democratico!

Mentre Silvio comiziava, io partecipavo ad una vendita benefica di colombine pasquali. Si raccoglievan fondi per sostenere gli studenti ciechi e ipovedenti.
Si stava in un centro commerciale.
Non avete idea di quanti elettori di Silvio ho incrociato, impelliciati e tappezzati di firme su tutto il corpo.
Ci guardavano dall'alto in basso, come per dire:

"Uè, giovinastri del menga, come credete che abbiam fatto i soldi? Evitando di regalare 2 EURO per queste sciocchezze..."

E i sondaggi dicono che lui tornerà…

SIGH! :-/

Sunday, March 09, 2008

Discriminazioni

Qualche giorno fa il postino mi consegna una busta.
Una busta cicciona.
L'ho aperta.

Dentro c'era questo:



con questa



Io cellò con due settimane in anticipo sull'uscita, cari fan di Estasia.
E voi no! :P

Potete rosicare un mucchio cliccando QUI.


AHR! AHR! AHR!

Monday, March 03, 2008

"Mandami un segno...!"



"Send me a sign...!"
The signes state: " The entrance is forbidden to anyone" and "the building is dangerous and menaces to collapse"
Is that a metaphore of Italian political and social conditions? And what about research and environment?
If you consider that the signs were hanged on the walls of a school...



A dire la verità non era proprio questo il segno che mi aspettavo.
Tuttavia è una metafora indicativa di quello che sta succedendo in un paese chiamato Italia.
Se ci aggiungete il fatto che i suddetti cartelli li ho scovati appesi sul muro di una scuola di Asti...
Come dire, siamo in una botte di ferro.
Dentro a una fornace...