Monday, April 27, 2009

Consigli per gli acquisti 2






Nei romanzi fantasy il narratore è solito osservare i personaggi da vicino.
Il suo punto di vista è fondamentalmente anche il nostro e questo permette una maggiore identificazione del lettore.

Luca Azzolini si è spinto addirittura oltre. Posiziona il suo punto di vista in profondità, dentro il cuore dei protagonisti. Per tutte le pagine de "Il Fuoco della Fenice" restiamo dentro a Twil e Alcor, sospiriamo insieme a loro e condividiamo le loro preoccupazioni.
Twil è un'orfana, abbandonata in fasce davanti ad un Collegio, e vittima dei continui soprusi dei suoi compagni. Timida e insicura, non immagina nemmeno di avere un potere atavico e immenso.
Alcor è un delinquente. Un ladruncolo che viene sbattuto nello stesso istituto, ultimo sopravvissuto di una razza di cambia-forma.
Tra i due nasce un rapporto speciale. Un legame forte ed unico che rappresenta la sola risorsa su cui entrambi possono sperare di contare. Perchè c'è chi - nascosto nell'ombra - prepara piani oscuri sul destino di Twil e dei suoi poteri.

Lo stile di scrittura di Luca è molto elegante. Usa spesso i flussi di coscienza, che sono quasi un tratto distintivo del romanzo. L'ambientazione è davvero suggestiva, ma descritta in modo essenziale. Si tratta di una gigantesca megalopoli planetaria, circondata da uno sconfinato deserto, in cui convivono umani e ogni tipo di etnia e creatura magica. Il lettore, tuttavia, non è proiettato vicino a Twil nella città, ma direttamente dentro Twil. I tratti della megalopoli viaggiano alla pari con i pensieri dei personaggi, restando tuttavia in secondo piano.

"Il Fuoco della Fenice" è un romanzo coraggioso, che sperimenta su una strada battuta raramente dagli autori del genere.
Sarebbe il soggetto ideale per qualsiasi disegnatore, che troverebbe dei personaggi solidi e affascinanti da illustrare per una graphic novel.
Editori di fumetti all'ascolto, fateci un pensierino... ;)

Consigli per gli acquisti 1






Sabato sono andato a vedere Franklyn. E' fighissimo. La parte urban fantasy è davvero visionaria e crea un'immaginario unico e bellissimo. Aggiungerei molto, molto vicino a Sanctuary, per diversi aspetti.
Non fate l'errore di aspettarvi il solito lungometraggio fantasy o di supereroi.
Il film è strutturato in modo non lineare, per certi versi in modo simile a Donnie Darko e Matrix. Le storie dei quattro personaggi principali si sfiorano, fino a convergere drammaticamente nel finale. L'ellissi è il mezzo narrativo più utilizzato e per capire completamente la pellicola è consigliabile vederla almeno due volte. Tuttavia, ne vale davvero la pena.
Franklyn è un viaggio lisergico e simbolico, che parla di Dio e del Destino attraverso un elegante gioco meta-narrativo.


Saturday, April 25, 2009

Friday, April 24, 2009

Alle volte Facebook...





Perchè, sennò me la presenti?



Designer contro la Mafia





Non è una news: è uscita già da un mesetto. Ma la campagna virale contro la mafia, promossa da Torino Sistema Solare e Libera, è davvero una chicca. Vale la pena continuare a distribuirla in rete all'infinito, nella speranza che un po' di gente levi il naso della cocaina e si metta una mano sulla coscienza.

Tuesday, April 21, 2009

Sono il Conte Draaaagula, minghia!



A casa abbiamo un paio di sedie da far sistemare. Avete presente quei lavori da far fare ad un bravo artigiano? Ecco, quelli. Così, un giorno della scorsa settimana, spunta fuori mia madre che mi chiede di controllare un link. Tiene in mano il brandello di una pubblicità, che consiglia a tutti di rivolgersi alla
Clinica della Cadrega.

Ora, io spero vivamente che i bravi artigiani di questa ditta mi perdonino.
Il fatto è che, sarà per l'utilizzo del dialetto, saranno i tormentoni comici, ma io continuo a pensare al Conte Draaaagula di Aldo ricoverato pietosamente alla Clinica della Cadrega. Senza zibibbo. Con i medici Giovanni e Giacomo - transilvani leghisti - che vogliono denunciarlo perchè clandestino.

E mentre lo faccio rido, come un pirla.

Abbiate pietà, signori della Clinica.
E se un banchiere con l'accento siculo dovesse mai presentarsi da voi, mi raccomando, niente gambe di sedie infilate nel cuore, eh?



Sunday, April 19, 2009

C'è stato un nuovo orrendo delitto




nella città di Milano.
Aura Petrescu, 17 anni, è stata barbaramente uccisa nella notte tra il 13 e il 14 aprile.

I media non ne hanno parlato per vari motivi. In primis, perchè il massacro di un'adolescente rumena non fa decisamente notizia. Poi si è cercato di non turbare l'emotività dei telespettatori, già terribilmente provati dal terremoto.
I giornali e le televisioni hanno rimandato lo scoop di una settimana, in pieno accordo con le autorità giudiziarie, che indagheranno in differita.

Potete tuttavia trovare qualche stralcio di notizia qui, insieme al merchandising del delitto.
Spero che mi invitino presto come opinionista...






.

Wednesday, April 15, 2009

Life in bits





I'm feeding the hard drive, I'm doing the backup.
Looks like I have half of my last seven years in a digital copy. Geez!
My father had black and white photos to show me his youth. I'll have files and a facebook page.
It doesn't sound so poetic...


Sto dando da mangiare al mio hard disk esterno. Sto facendo il backup.
Sembra che metà dei miei ultimi sette anni di vita siano in copia digitale. E questo mi fa pensare. Mio papà aveva le foto in bianco e nero per mostrarmi la sua gioventù. Io avrò i file e una pagina di facebook.
Non so a voi, ma a me sembra molto meno poetico...

Stock by
~stratham

Saturday, April 11, 2009

Qualcuno mi spiega che DIAVOLO è un "fumetto DIV"?



Una striscia di Bonny-Ed è stata pubblicata su Panorama. In un articolo di Gianni Poglio sulle Gothic Lolitas, pubblicato sul numero del 2 aprile 2009.
E voi tutti direte "Figo! Finalmente l'informazione di massa si occupa dei fumetti underground italiani!" oppure "E' bello che venga premiato chi si sbatte per un fumetto autoprodotto!".
Magari...
Dovete sapere che, nella professionalissima redazione di Panorama, a nessuno è venuto in mente di citare ED, alias Emanuele DiDio, oppure la DoubleShot. Perchè mai? Sono solo l'autore e l'editore del fumetto in questione! E sto parlando di una semplice citazione. Figuriamoci chiedere il permesso per la pubblicazione.

Schifo. La mia reazione è stata questa, quando ho letto l'articolo.
Anche perchè nella pagina successiva vengono citati Wanda Korosec e Mikyio Tsuda, per fumetti legati al mondo delle gothic lolitas. Che gli costava citare anche Ed?


Poi leggete la didascalia che hanno scritto. La striscia in questione viene descritta come "un fumetto div". OVVERO? Che roba è un fumetto div? Vi giuro, in tanti anni che leggo fumetti non ne ho mai incontrato uno.
So cosa sia un "div" e a questo punto mi sorge un dubbio. Che abbiano scambiato una tag html con il nome dell'opera? Magari cercando su google "gothic lolita fumetti"? Capperi, ma quella striscia è proprio la prima cha salta fuori. E porta pure ad un link che cita Ed esplicitamente.


Ora non so che provvedimenti si prenderanno. Ma
i redattori di Panorama se la meriterebbero proprio una valanga di mail risentite e un po' di passaparola sul web.
Magari imparano la correttezza e la professionalità...

Friday, April 10, 2009

Francesco Falconi Son of Metal



Lo scrittore di Estasia viaggia verso nuovi orizzonti musicali.
Abbandonando Madonna, Micheal Jackson e Toto Cutugno, Falconi vira verso il fuoco sacro dell'Hard Rock.
Ecco il titolo dell'album in uscita. Son of Metal. Fijo der meteaaallo, come si dice a Roma, ma con un vago accento di Grosseto. Aspettiamo con ansia il tour, pronti a rispolverare le borchie e i giubbotti.

Vai così, Francè, facce sognà!







Ah sì, dimenticavo, c'è un'altra cosa.
Abbiamo fatto un piccolo update al blog del Falco, che presto coinvolgerà tutto il sito. Ma a voi mica importano quelle cose, no? ;)

(Editiiiiiiiiing!)

Thursday, April 09, 2009

Il Silenzio dei Morti
Le Parole dei Vivi





La scossa.
L'hai sentita la scossa?

Sono morti, sono morti, ti dico!

Edizione straordinaria.

Alle 3.32 di questa notte.

Danni gravissimi alle strutture.

La protezione civile si è già mobilitata.

Il corpo del ragazzo è stato estratto La casa dello studente.
Il premier Silvio Berlusconi.

Guido Bertolaso.

No, non poteva essere previsto.

Sì, poteva essere previsto.

Non vi lasceremo soli...

Clamoroso! Leggete qui!

Ma se quello che dice è vero.

E l'hanno pure denunciato.

Giuliani eroe incompreso.

Giuliani aveva previsto.
Giuliani martire.

Giuliani sismologo.

Giuliani geologo.

Giuliani tecnico.

Giuliani ciarlatano.

Il popolo di Facebook solidarizza.

Un pensiero per le vittime.

Un pensiero per le famiglie.

Un pensiero per i bambini.

Noi siamo con voi.

Si cerca sangue gruppo zero.

Montate le tendopoli.

Bambino, eri spaventato?

Avevi amici nella casa dello studente?

Sono morti in tanti nella tua famiglia?

Ce l'hai ancora una famiglia?

Sospeso il Grande Fratello.

La clamorsa storia della signora Anna.

Hanno perso tutto.
Questa notte hanno dormito in macchina.

Non serve più sangue gruppo zero.

Servono coperte e vestiti, amici di FB.

Servono posti letto e alberghi.

Potete mandare un sms.

C'è appena stata una nuova scossa.

Crollata la cupola.

Raso al suolo il centro storico.

Rasi al suolo interi paesi.

Cadono sempre le stesse case.

Sono cadute anche quelle in cemento.

Ma chi le ha costruite?

Ospedale di cartapesta.

L'Italia è indietro di 20 anni.

Queste cose non succedono in California.

Queste cose non succedono in Giappone.

Il TG1 si conferma leader nell'informazione.
Con una punta di share del.

Vergognoso Studio Aperto.

Questo paese è una vergogna.

Il TG1 senza vergogna.
E' assurdo!!!!!!!!!!

Sciacalli in azione.

Il Papa verrà presto.

Un fine settimana in campeggio...



Tuesday, April 07, 2009

Se i palinsesti cambiano...




Avete presente le annunciatrici TV?
Calme e imperturbabili ragazze della porta accanto. Sono capaci di annunciarti Bruno Vespa per la sessantaseiesima volta, senza nemmeno esplodere una crisi epilettica. In pratica sono degli ultracorpi, dei fantasmi taglia 36 che appaiono in televisione ogni tot ore.
Su uno sfondo BIANCHISSIMO da visione mistica.


Se anche a voi lasciano un leggero senso di orticaria, fate un esperimento con me. Rivoltate questa immagine come un calzino.

Prendete una formosa ragazza dark che non sembri la solita e scontata fotomodella. Cospargetela dalla testa ai piedi di ironia e soft-fetish. Praticamente una Betty Page della porta accanto.

Bene, siamo già a metà dell'opera.

Ora aggiungete uno staff di autori scanzonati, pronti a scrivere ciò che il pubblico pensa davvero dei programmi televisivi. Montate il tutto con una regia snella, veloce, che ricorda i bei tempi di "Ciro (il figlio di Target)".

Spolverate con un pizzico di sit-com, ma senza esagerare.


Siete pronti?

Avete davanti agli occhi la dissacrante Guida TV di TV Blog, online ogni giorno per la vostra giuoia.

Un prodotto tutto "turineis" - ben si sente dall'accento dell'Annunciatrice Misteriosa - che sta diventando un piccolo cult in rete.

Per altro,

(inizio del marchettone)
fa parte dello staff una mia vecchia (si fa per dire) compagna di liceo, Marta Musso, che è diventata una piccola genietta del video. Le altre menti pensanti sono quelle di Bruno Bonanno, Davide Sapelli e Alberto Puliafito
. Robe che ti fanno domandare: "ma che gli danno da mangiare sotto la Mole?"
E la risposta è chiaramente l'Eternit... :P

(fine del marchettone)


Fiondatevi a guardare tutti gli episodi e sbellicatevi con le vittime preferite del team. Da Steven Seagal a Bud Spencer, passando per "Crossing Jordan", "Amici", "Voyager" e i "Raccomandati" di Pupo. Senza dimenticare Horatio di "CSI - Miami".


Dà dipendenza, siete avvertiti...
























Saturday, April 04, 2009

Sanctuary - E vai con l'editing





Quando mi hanno comunicato che "Mirror Blues" aveva vinto, ho festeggiato.
Tipo per i primi due giorni. Ero veramente contento.

Poi son salite le paturnie. Piccole, eh, niente di chè. Il fatto è che l'editing mi spaventava un po'.
"Adesso si dovrà fare l'EDITING..." mi ha detto Francesco a natale. Giuro, l'ha detto con una voce da film horror, che ci mancava un tuono alla fine della frase. Inquietante. Già mi immaginavo di dover rifare tutto, colpevole di una scrittura orrenda.
Se capitate ad una presentazione del Falconi, fateglielo dire e capirete.

"EDITIIIIIING!"

E io lo ringrazio Francesco per quella piccola strizza che mi ha messo addosso, probabilmente senza rendersene conto. Ha evitato che mi "sedessi" a livello creativo e perdessi quella leggera tensione che deve continuare fino alla fine di un progetto.

Con Luca Azzolini e lo staff di Asengard il rapporto è stato molto distensivo e per nulla invasivo. Nessuno è venuto a spiegarmi com'è che si deve scrivere, nonostante fossi un esordiente. Piuttosto mi hanno dato consigli per rendere ancora migliore ciò che già c'era di buono nel racconto.
Adesso penso che questo sia stato il miglior premio che potessi ricevere.
L'occasione di scoprire i tuoi errori e correggerli non ha prezzo.

Ho scoperto un po' di cose della mia scrittura.
Ad esempio ho la buffa e pericolosa abitudine di buttare giù i dialoghi come se fossero per un fumetto. Immagino che la cosa non vi sorpenda.
Ho un personaggio, un mostro, che ha una parlata gorgogliante. Qual è la tipica cosa che farebbe un fumettista?
BAM! Va giù di lettering, no? Caratteri strani, maiuscole e minuscole mischiate. Risultato? Si rischia di incasinare la lettura.
Poi, per carità, a me piacciono i dialoghi sopra le righe. Mi attira l'idea che il lettore "reciti" le battute nella sua testa. Il gioco funziona, ma nella forma ci sono tante cose che rischiano di sembrare esagerate o inutilmente enfatiche. Bisogna stare attenti e ricordarsi su quale media si sta lavorando.
C'è un piccolo mucchietto di punti esclamativi e di sospensione che verranno condannati all'oblio...

Ci sono anche altre cose che in una prima stesura possono sfuggire. La scelta di alcune espressioni rispetto ad altre. L'idea che, nonostante il racconto sia chiarissimo nella mente di chi scrive, questo debba diventare altrettanto comprensibile in quella del lettore. Un aspetto che non bisogna mai dare per scontato.

Insomma, per me l'editing si sta rivelando un'esperienza preziosa, da cui imparare molto.
E mi sto anche divertendo.
E' un po' il make-up finale, prima di andare in scena.

Incrociando le dita, spero di averne altre dosi in futuro! ;)


(EDITiiiiiiiiiiiiiiiiNG!)

Foto di ~steeldragonfly

Thursday, April 02, 2009

Mono contest #6




Qui trovate la tavola, ufficialmente in gara e postata su Komix.it
Il blog di Cristiano Brignola, invece, lo potete leggere da quest'altra parte.



E vabbè dai, era un pesce...






Gustosissimo e cucinato dai mattacchioni di Badtaste, al quale mi sono permesso di aggiungere pochi dettagli fumettistici.
Comunque, tutti i miei penny per Megan Fox nei panni strettissimi di Catwoman...!


Wednesday, April 01, 2009

Megan Kitty


E' ufficiale.
Megan Fox interpreterà Catwoman nel terzo episodio della saga di Batman, diretta da Christopher Nolan.

Come già successo per Heath Ledger ne "Il Cavaliere Oscuro", la notizia è stata accompagnata d
a un' immagine promozionale, che suggerisce parte di quello che sarà il look della Gatta nel nuovo film.
Megan Fox, entusiasta, pare sia già al lavoro per "entrare" nella parte.

"Sembrerà strano, ma nonostante la tuta in latex e le scene d'azione, questa sarà una delle parti più impegnative della mia carriera dal punto di vista recitativo. In Transformers vengo considerata la "donna oggetto", e non ho molta voce in capitolo quando si tratta di prendere le vere decisioni: l'eroe è Shia, ovviamente. In questo film invece avrò una frusta"

David S. Goyer, già autore delle precedenti pellicole, svela alcuni particolari sulla costruzione del personaggio.

"Catwoman è un personaggio meraviglioso. Una donna libera, che non conosce regole. Vuole riscattarsi da un passato difficile e non ha paura di usare la sensualità come un'arma. Le storie di Ed Brubaker e Jeph Loeb raccontano la psicologia di Selina con grande profondità"

E già decollano gli spoiler.
Voci di corridoio confermano e ampliano le affermazioni di Goyer.
Pare che, nelle prime bozze della sceneggiatura, il destino di Selina Kyle sia legato a quello di Sal Maroni. Una vendetta personale muove la Donna Gatto contro le famiglie mafiose di Gotham.
E' quindi logico dedurre che la storia riprenderà ciò che di "Batman Anno Uno" e "The Long Halloween" non è stato ancora raccontato, aggiungendo parti di "Dark Victory" e "Catwoman: When in Rome".
Forse ci saranno riprese in Italia?

Sembra anche che Selina Kyle sia intenzionata ad organizzare un grosso furto nella villa di Bruce Wayne, ormai ricostruita dopo gli eventi di "Batman Begins". Partirebbe da lì il gioco di seduzione tra i due, dopo una sensuale cena a base di sushi e sashimi.

Insomma, alla gattina piace il pesce...


Altre news su Badtaste e Variety