Wednesday, December 30, 2009

Chiamata alle armi per difendere il fantastico con le unghie e con i denti.






In questi giorni abbiamo assistito ad una rivolta. Una difesa caldissima del fantastico e delle idee che questo tipo di narrazione può esprimere.
E la lotta continua: un libro da consigliare, per mostrare il valore del fantastico.
E questo quello che G.L., Licia, Lara, ma anche Gianrico, Val ed io chiediamo ai blogger là fuori. Spargete la voce. Fate sentire l'energia e la saggezza che scorrono in certe pagine e in certe parole.

Vado io. Chiaramente non potevo non presentare un fumetto.
Il titolo è American Born Chinese di Gene Luen Yang
.
E'una graphic novel che racconta tre storie di accettazione, tolleranza ed integrazione

La prima ci narra la leggenda cinese del Re Scimmia, che vuole a tutti i costi diventare una divinità.
La seconda è quella di Jin Wang, figlio di immigrati cinesi, ancora influenzato dalla cultura d'origine, ma intenzionato ad integrarsi in un quartiere di bianchi e borghesi.
La terza è una commedia in cui il giovane Danny - americano e bianco - è costretto a sopportare ogni anno il cugino Chin-Kee, che viene dalla Cina e che di quel paese incarna tutti gli stereotipi.

Tre storie, in apparenza differenti, che vanno a collidere ed unirsi nel climax finale, anche grazie alla dimensione del fantastico.
Un finale gustosissimo che fa riflettere sulla scoperta del sè e l'integrazione.



Tuesday, December 29, 2009

Cortellessa e le sagge parole.






Nel caso vi siate persi la discussione da cui tutto è iniziato.
La notizia è che forse c'è uno spiraglio. Forse le gocce hanno scavato la roccia. Forse.
Almeno fino al prossimo articolo...



Sunday, December 27, 2009

Dangerous Wands: il futuro di Ermione Granger...






Dopo essersi diplomata ad Hogwarts cosa potrà fare Ermione Granger con il suo successo scolastico? Semplice, andare ad insegnare in una scuola di magia del ghetto, per salvare gli studenti disadattati da una vita dedita alle Arti Oscure...
Arriva "Dangerous Wands".



P.S.: ma Voldemort non era morto???


Thursday, December 24, 2009

Ninja-X-Mas




Lui sa se siete stati Buoni o Cattivi.
Entrerà a casa vostra, mentre dormite.

Si calerà dal camino, superando il vostro perimetro di sicurezza.


E vi consegnerà i regali, che lo vogliate o no!


Auguri di buone feste.

Passate tutti un buon Natale o almeno morite nel tentativo. Chè tra regali, pacchetti, parenti e abbuffate, ci vogliono dei veri professionisti per portare a termine il lavoro... ^___^



Foto by mjranum-stock

Tuesday, December 22, 2009

Fantasy Magazine - News - Può esistere un Superman senza Krypton?






Altra news per FM. Con l'uscita del trailer di Iron Man 2 e le novità su Lo Hobbit, alcuni miei articoli sono finiti in coda e stanno spuntando ora, uno dietro l'altro.
Oggi vi aspetta qualche riflessione sul futuro cinematografico di Superman. Da agosto la DC ha perso parte de diritti sul personaggio, a favore della famiglia Siegel. Sarebbe possibile un lungometraggio sull'Uomo d'Acciaio che non preveda nessun riferimento a Krypton?
Scopritelo QUI


.
Zombie Vampiri Cinesi Che Menano!


"Mostri", la storia che io e Cristiano Brignola abbiamo proposto per l'antologia Vampiri, citava le leggende cinesi di queste creature. Beh, la cinematografia di Hong Kong è piena zeppa di riferimenti a questi mostri, con esiti assolutamente weird.
Ben più di Twilight:
guardare per credere...





Non tutte le frittate escono col morto...




Il tizio che spiega i pregi di "Hello Dracula" manco fosse Tarantino è quasi più divertente del film




I vampiri cinesi non fanno pipì. In compenso saltellano...





Saltellanti, ma inesorabili, ti scovano seguendo i respiri!





...E infine, Kung-Fu Zombie!!

Monday, December 21, 2009

Fantasy Magazine - News - Prince of Persia






Nuovo articolo su Fantasy Magazine. Questa volta parlo del prossimo capitolo videoludico di Prince of Persia. Ritorni alle origini e ipotesi su (entrambi) i futuri della saga.
Enjoy!


Saturday, December 19, 2009

The TV Show





L'animatore Sugimoto Kousuke e il musicista Takayuki Manabe uniscono le forze per un cortometraggio fusissimo, molto dinamico, che usa il colore come un potente mezzo narrativo.
Forse sulla carta non vi sembrerà una novità, ma provate a cliccare "play".
Buona visione!


Friday, December 18, 2009

Ora che è nata Irene anche Giuliano può divertirsi







L'artista cinese Shi Jinsong propone un passeggino e una carrozzina d'assalto.
Indispensabili per un padre che vuol far sopravvivere la prole ad un'apocalisse zombie.

Chi l'ha detto che con i neonati si possono divertire solo le mamme?


Irene-day





Ieri sera alle 21.45 è arrivata Irene.
Auguri a Licia e Giuliano!! ^____^


(ehi, festeggiamo con dolci e draghi, no?)



Thursday, December 17, 2009

L'arteriosclerosi galoppa






Un po' di giorni fa è uscita un' intervista doppia, in cui io rispondo a qualche domanda insieme a RX, il noto disegnatore Shockdom. Inutile dire che per me è stato un onore, considerando la sua bravura. Inutile mascherare la figura di merda, considerando che mi sono dimenticato di segnalarlo.

Chiedo quindi venia pubblicamente e vi rimando all'intervista e al blog di RX.
Grazie a Camu di Duechiacchiere per le insolite domande.


Benvenuti...






...alla Stark Expo! Nemmeno Steve Jobs, con tutto il rispetto, è mai riuscito a mettere su una roba così tamarra.
Ho già il sedere incollato alla sedia del cinema ^___^

(e Shoot To Thrill degli AC/DC in sottofondo? Vogliamo parlarne?)


Non puoi manco parcheggiare il dinosauro, che te lo fregano...






Vi ricordate che settimane fa avevo parlato di Walking With Dinosaurs?
Pare che lo show abbia recentemente fatto tappa in Messico.
E che qualche buon messicano si sia fregato uno dei loro dinosauri, per un valore di 60.000 euro. Gli è andata pure bene che han preso uno di quelli piccoli, visto che i più grossi valgono dieci volte tanto.

Comunque, ve lo dico per evitare equivoci.
Per quel giorno ho un alibi...



(...e poi io prenderei il Tirannosauro o niente, cavolo!)


Wednesday, December 16, 2009

Iron Man 2 e il footage di Entertainment Tonight





Et voilà: la mia prima news su Cinezapping.com.
Entertainment Tonight svela le prime scene del nuovo film di Iron Man.
Buona visione!
Piovono Orsi.




Ninna e suo marito sono già in allarme... ^___^

Tuesday, December 15, 2009

Anche i designer nel loro piccolo si incazzano






Pare che questa sia la vera schermata che un manger si è trovato davanti, quando uno dei designer della compagnia si è rotto le palle di farsi trattare male inutilmente.
Per tutti i creativi che sopportano dei capi stronzi in ufficio...

Via Geekologie


Monday, December 14, 2009

L' Arkham Asylum ha chiuso per ferie...





Dal manicomio alla città.
Chissà se il miglior gioco di Batman potrà superare se stesso...

Batman: Arkham Asylum 2, prossimamente.


Quello che al TG non dicono...






Il gruppo facebook che propone solidarietà al premier è in realtà uno specchietto pubblicitario per un sito di aste online.
E' bello vedere gli squali che si spalleggiano reciprocamente...

Questo si legge al fondo, nella descrizione del gruppo:


"BIDPLUS è un sito di ASTE al RIBASSO, ovvero viene utilizzato un meccanismo simile alle aste tradizionali, nel quale tuttavia si aggiudica il bene messo all’asta l'utente che al termine della stessa risulterà aver effettuato l'offerta unica più bassa tra quelle registrate durante la durata della stessa. BIDPLUS non è né una lotteria né un gioco d'azzardo.

Grazie a BIDPLUS potrete acquistare prodotti delle migliori marche a prezzi estremamente bassi, mediante un sistema estremamente semplice, intuitivo e divertente da utilizzare. Fornendo tale servizio, garantendo la massima serietà e trasparenza, BIDPLUS si presenta sul mercato italiano offrendo una piattaforma sicura e facile da utilizzare, con alcune peculiarità che lo contraddistinguono dai propri concorrenti: in particolare le Aste Live Match, che permettono agli utenti di interagire in tempo reale per cercare di aggiudicarsi gli oggetti all’asta. Per maggiori informazioni e comprendere meglio il funzionamento della piattaforma BIDPLUS, siete invitati a leggere i paragrafi successivi.

Le aste al ribasso hanno una data ed un'orario di scadenza predefinito, la cui durata varia in funzione del valore del prodotto. Ciascun utente registrato potrà partecipare a una o più a aste tra quelle in corso sul sito, a condizione di possedere del credito sul proprio account. Il credito è acquistabile utilizzando le modalità più sicure e diffuse, mediante carta di credito su sito protetto (Click and Buy), oppure mediante PayPal o Moneybookers, piuttosto che efettuando ricariche manuali su carta PostePay oppure bonifico bancario. Troverete tutte le informazioni necessarie visitando la pagina RICARICA CREDITI.

L’obiettivo è riuscire ad individuare il numero intero in centesimi di EURO che risulterà essere l’offerta unica più bassa al termine del periodo previsto per l’asta in corso."



Se siete iscritti a Facebook, segnalatelo: questa se non è truffa è astroturfing.
Qui un bel post di Marco Rizzo: la diretta che non vi diranno

Ora un po' di pensierini che contribuiranno di sicuro a portare un clima di tolleranza...




Quando faccio notare, nel gruppo, che gli studenti della Diaz hanno subito ben di peggio, ricevo questa mail impagabile...



Ora, io conosco gente che su quelle "favolette" si fa un culo così dalla mattina alla sera. Ricercatori precari e progettisti che faticano per costruire un mondo migliore.

Anche per questi idioti e per i figli di questi idioti.
Che li prendono a pesci in faccia, insieme al governo che SI SONO VOTATI

Alle volte mi domando se ne valga sul serio la pena...




QUESTO SPIEGA TUTTO!!!






Da tempo mi chiedo cosa ci facesse John Winchester nell'ospedale di Grey's Anatomy.
Che l'ospedale sia infestato dai demoni? Che la medicina si sia finalmente aperta all'esorcismo?
Poi un vecchio post di Diego Cajelli mi ha illuminato: la supercontinuity!
Cito dal blog di Diegozilla:

Funziona così: i personaggi delle serie televisive si sovrappongono all’attore. Per cui, quando un attore recita in due serie diverse, è il personaggio che si sposta da una serie all’altra.
Il come e il perché, ovvero tutte quelle giustificazioni necessarie a far funzionare il cambio di ruolo, devi inventartele tu. Ma devono essere sceneggiabili, altrimenti non vale.

Ecco, ho finalmente capito.
Quella palla insostenibile di Grey's Anatomy è l'Inferno a cui è stato condannato il padre di Dean e Sam.

Di sicuro starà scontando anche tutti i viet-cong uccisi quando faceva il supereroe...


Sunday, December 13, 2009

Mangiatori di uomini, ma fino ad un certo punto





Gli zombie - si sa - sono delle buone forchette. Tuttavia, anche loro hanno delle riserve su certi gourmet.
E non si può dar loro torto, visto che il buon adagio dice "sei quel che mangi".
Voi la divorereste certa gente?
Per altro, lo sapete che stanno provando l'inseminazione del clone di Hubbard, vero?


Saturday, December 12, 2009

The Fastest Toon Alive








Chì è il più veloce?

Who's the fastest?



Friday, December 11, 2009

Maledetti Templari!





Per il lancio di Assassin's Creed 2 la Ubisoft ha prodotto un cortometraggio che funge da prologo alle avventure del protagonista del gioco, Ezio Auditore.
Il film, che dura poco più di 35 minuti e che è stato diviso in 3 episodi, mostra l'origine del protagonista e le gesta di suo padre Giovanni, assassino alla corte dei Medici. Una cospirazione mira a cambiare l'equilibrio dei poteri nel'Italia del Rinascimento: riuscirà Giovanni Auditore a scoprire chi trama nell'ombra? E il segreto metterà in pericolo la sua intera famiglia?

Il corto è stato girato in live action per gli attori e gli oggetti di scena, mentre per gli sfondi sono stati utilizzati gli stessi ambienti 3D di Assassin's Creed 2. Il risultato è decisamente notevole.





Il gioco sta coinvolgendo talmente tanti appassionati che su You Tube girano dimostrazioni e tutorial su come costruire la lama a scatto degli assassini nel gioco.
Bambini, NON FATELO A CASA!!


Wednesday, December 09, 2009

L'Astronave Muse atterra a Torino.
Resoconto del concerto al Palaolimpico 4/12/09






Kierkegaard era un grande fan di Mozart.
Fosse vissuto oggi, di sicuro si sarebbe iscritto alla sua fan page di Facebook. Una volta scrisse questo su di lui:
"Mozart rientra in quel piccolo, immortale drappello di uomini i cui nomi e le opere col tempo non saranno dimenticati, uomini che saranno ricordati in eterno."
Ecco, io credo che per Matt Bellamy, Dominic Howard e Chris Wolstenholme sarà riservato lo stesso destino.

L'astronave Muse torna a stupire Torino, dopo 5 lunghissimi anni di assenza.
Era il 2004 quando hanno visitato la città la scorsa volta. Lo spot della Lancia Y, che andava in TV in quel periodo, aveva "Time Is Running Out" come colonna sonora: Fiat + Agenzia Testa, era quasi scontato che si scegliesse Torino come data unica.
Le Olimpiadi dovevano ancora arrivare e i ragazzi fuori dal Mazdapalace, provenienti da ogni parte del Nord Italia, erano abbastanza seccati di dover mettere piede nella mia Città.







Oggi tutto è diverso: i Muse sono la band del momento. Li conoscono anche i sassi (ma non Simona Ventura...) e chiudono a Torino uno dei loro tour più gloriosi.
Li abbiamo ospitati nel PalaIsozaki, una delle strutture più avveniristiche tra quelle che il 2006 ha regalato alla città. Gli accenti sono ancora variegati, con romani, svizzeri e una marea di francesi. Tutti però guardano con ammirazione il cambiamento della città: da grigio capoluogo industriale a meta europea del rock mondiale: Green Day, Muse, presto gli U2.

La mia avventura per questo concerto è stata molto più precaria ed improvvisata rispetto a quello di Billy Joe e compari.
Stavolta la mia ragazza non ha comprato i biglietti sei mesi prima. Anzi, Gis non può nemmeno venire, occupata da impegni vari. Io, dopo il
21 Century Breakdown Tour, ho ancora l'adrenalina che scorre: vorrei fare il bis, neanche un mese dopo.
Il biglietto arriva tramite Facebook e un colpo di fortuna. E qui ci tengo a ringraziare Francesca, che mi ha consentito di vedere questo spettacolo meraviglioso.
Gis non c'è, come ho detto. Ma non sono solo al concerto. Vi ricordate di Max Turini e Cristina Mallone? Li avevo citati nel resoconto della data dei Green Day, per le fotografie che avevo inserito nel post. Beh, anche qui FaceBook ha fatto da collante: ci siamo conosciuti e incontrati dal vivo. Anche qui doveroso ringraziamento, visto che sono entrati prima di me e mi hanno tenuto il posto.




Settore 104. Ancora sulla tribuna a sinistra, ma leggermente più indietro: il palco è quasi di fronte a me. Un'arca circolare, con tre pilastri velati nel mezzo e due balaustre sui lati.

Tra una cosa e l'altra si sono fatte le 20.00: l'organizzazione e leggermente in ritardo. Faccio in tempo a chiamare Licia, per raccontarle dove mi trovo, ma giusto due minuti.
La support band è già sul palco.
I
Biffy Clyro non mi hanno impressionato. Sarà che avevo già sentito qualcosa sul loro MySpace e partivo un po' prevenuto. Sarà che erano stanchi e che l'assetto audio non era dei migliori. Ma Simon e compagnia hanno tirato fuori un basso che sembrava un pugno in faccia e un'esibizione abbastanza scazzata. Rimpiango quasi i Future Kings of Spain dell'Absolution Tour, ma soprattutto i Prima Donna visti con i Green Day.





Sono le otto e mezza. Immagino che i ragazzi debbano entrare in scena di lì a poco. Invece è attesa.
Attesa, attesa, attesa.
Intorno a me piccoli esempi di genialità: c'è uno striscione con la scritta "United States of Porchetta", mentre dietro di me un ragazzo ha montato una telecamera su una ringhiera, occultandola col cappotto.
Una voce, dall'interfono, dice che il concerto non può iniziare, se non si liberano le vie di fuga sugli spalti.
Improvvisamente si accorgono che il parterre è mezzo vuoto e fanno scendere una paccata di gente, tutta insieme, senza un minimo di sicurezza. Già mi immagino ragazzine calpestate sui gradini e invece tutto fila liscio.

Dopo poco si spengono le luci e la goduria inizia.





Le tre torri si trasformano in una scalinata, dove sagome umanoidi salgono e vengono stipate in file.
Ordinati, ubbidienti, controllati.
Ma arriva l'imprevisto. Le sagome iniziano a cadere e, quando anche l'ultima a toccato terra, BUM! I teli scendono, le luci esplodono e i Muse sono davanti a noi. Attaccano
Uprising.
I pilastri in realtà sono un sistema di megaschermi e palchi rialzati. Sfruttano la struttura a prisma: su ogni lato viene proiettata un' immagine diversa, in un prodigio di luci e suoni.






Tempo fa avevo parlato dei rifermenti espliciti di questa canzone, prendendo in giro la band sulle "scopiazzature".
Ma non c'è niente da fare. Come avevo previsto, mi ha catturato completamente e al concerto la sto cantando a squarciagola.
"They will not fooooorce us!" I testi appaiono sul megaschermo, incitando il pubblico in una fenomenale animazione grafica.
Si passa a
The Resistance e sui prismi salgono dati elettronici, che si accendono in un' esplosione di stelle in stile Stargate.





Partono i vecchi successi, uno fra tutti
New Born. Dal palco viene proiettata una rete di raggi laser verdi, che danzano nell'aria sulla voce di Matt e finiscono per "ingabbiare" il pubblico.





Poi
Map of the Problematique, una delle mie preferite, e una tiratissima Supermassive Black Hole.
Sull riff di
Hysteria la gente si infiamma.
I Muse hanno buona memoria e si ricordano che l'ultima volta a Torino è stata durante l'Absolution Tour. Così cambiano la scaletta e ci infilano
Butterfly & Hurricanes. Al posto di Cave mi fanno una Sunburn meravigliosa, con Matt sul palco rialzato in compagnia di un pianoforte illuminato come il simon. Non suonano Bliss, ma sono felice ugualmente.






E' una maratona musicale. Probabilmente i ragazzi hanno qualche problema con il fonico e tentennano su qualche attacco. Ma la tecnica - comunque superba - viene superata dal cuore: si divertono e fanno giochi di parole sui loro testi. Una vera festa di fine tour...

Matt abbandona la chitarra ed imbraccia la keytar, per una versione sincopata di
Undisclosed Desires. Poi arriva Starlight. Le coppiette si abbracciano. Io, per una volta, tengo il moccolo e penso alla mia bella, che non ha potuto godersi questo spettacolo.





Siamo al punto più caldo del concerto. Matt riprende la chitarra elettrica e suona note conosciute: è il momento di
Plug in Baby! Scatta l'ovazione, gli spettatori sono in delirio e cantano a squarciagola. Come nel 2004 vengono fuori i palloni giganti. Matt continua l' assolo di chitarra fino allo scoppio dell'ultimo, in una pioggia di coriandoli sul pubblico.
Si passa a
Time Is Running Out, introdotta da Burning Bridges, poi Unnatural Selection.
Infine si spengono le luci e il trio va via dal palco.




Ma il pubblico ne vuole ancora.
Così, dopo applausi e tanto casino, il trio ricomincia ed è il turno di
Exogenesis 1.
Le luci incorniciano Dominic, mentre suona dei timpani enormi. Poi i palchi risalgono e sui megaschermi appare un luminoso brodo primordiale, un placton stellare che si muove lento sulle onde della musica. La Sinfonia finisce e i palchi toccano di nuovo terra.
La chitarra di Matt ringhia: è una scarica elettrica in crescendo, che sfocia in
Stockholm Syndrome. Il pubblico riconosce il riff ed è nuovamente il delirio. Siamo tutti rapiti dalle note dei Muse e, come nell'omonima sindrome, vorremmo restare sequestrati ancora per un pezzo.
Il pubblico si calma e scende il silenzio, in attesa dell'ultima canzone.




Le luci puntano su Chris che, incollato al microfono, suona un'armonica. Sono le note di
A Man With A Harmonica di Morricone, che inchiodano gli spettatori. Io sono totalmente galvanizzato, allibito davanti alla perizia del gruppo.
Il tour europeo e la data di Torino si chiudono con il sound space-western di
Knights of Cydonia. E mentre il falsetto di Matt lancia la battaglia finale, io saluto le mie tonsille e combatto insieme alla band.
Giganteschi sbuffi di vapore si alzano come un sipario sulla fine dell'ultimo pezzo.
E' tempo dei saluti. I ragazzi si tolgono gli auricolari e si preparano a scendere. Matt e Dom ringraziano il pubblico e danno appuntamento alla prossima data.





Ancora sconvolto da tanta grazia, mi muovo verso l'uscita insieme a Max e Cristina.
Mi rendo conto che la mia amica Marta (signorina in Sheffield, vi ricordate?) aveva dannatamente ragione. Giorni prima del concerto mi aveva esortato ad andare:
"nel 2004 erano giovani e appena affacciati al successo. Vedrai adesso cosa sarà The Resistance Tour..."
La data di Torino è stata clamorosa. Migliore e più spettacolare rispetto a quella dell' Absolution Tour, che ancora ricordavo tra i più bei concerti che ho visto.
I Muse sono riusciti a superarsi e ho l'impressione che continueranno a farlo.


Licia, ora tocca a te per San Siro! ;)


Il popolo di Facebook si è organizzato un'altra volta: qui potrete trovare le foto del concerto fatte dagli iscritti.
Qui invece le foto degli utenti Flickr.
Questi gli autori delle foto che ho inserito nel post:

Giulia Micillo
Federico Biancullo
alexfreespirit
Nastia Rachetto
Alex Bouc
francesco prandoni

Qui trovate altre recensioni al concerto (link1 e link2).
Sotto, invece, la scaletta dello spettacolo. L'ho ricostruita grazie ai vari blog e siti, ma soprattutto grazie a Maria Pia Mazza, che mi ha linkato i video con i titoli delle varie cover e chicche.
Per ogni canzone c'è il link ad un video, così potrete rivivere parte del concerto.
Enjoy!


Encore:


Tuesday, December 08, 2009

Lo Zen del Cinema 8.



Ovvero, le piccole perle di saggezza che ho imparato grazie ai film.

"Nemmeno i Replicanti potevano immaginarsi Maria DeFilippi"

("Blade Runner" di Ridley Scott
, 1982)





(E comunque alla fine della trasmissione si scopre che Maria De Filippi è un Replicante...
)


Saturday, December 05, 2009

Preview: Muse Torino - The Resistance Tour






A presto il resoconto completo...





(anche Yoda balla al ritmo dei Muse) ^___^

Friday, December 04, 2009

Random story






Baol ha proposto una sfida ai lettori del suo blog: tre parole - un sostantivo, un aggettivo e un verbo - come spunti base per un breve racconto.
Ieri ha pubblicato quello sulle parole che ho suggerito io: selezione, innaturale, desiderare.
Sì, stavo ascoltando "The Resistance" quando le ho suggerite.
E sì, nel brano ci sono anche i Muse.

Andatevelo a leggere, recuperando anche i precedenti.

Ah, dimenticavo. Visto che si parlava dei Muse, se tutto va bene stasera ve li saluto... -___^



Wednesday, December 02, 2009

Burj Dubai: il più alto edificio del mondo.





Arriverà a 819 metri il Burj Dubai, quando sarà finito.
Supererà l'antenna radio di Varsavia e sarà il primo edificio umano più alto di 700 metri. Il video che vedete è stato girato pochi metri sotto la cima dell'antenna.
Trovo strano, però, che non abbiano filmato il Burj Al Arab, visto che dovrebbe essere lì vicino. Avrebbe dato un raffronto ancora più diretto dell'altezza di questo mostro.
Fossi salito io, avrei vomitato le colazioni degli ultimi quindici anni: mi fa già effetto guardare il filmato, fate voi.
Oggettivamente, sembra alto quanto la Torre di Half Life 2. Non vi fa impressione?








Tuesday, December 01, 2009

Lo Zen del Cinema 7.



Ovvero, le piccole perle di saggezza che ho imparato grazie ai film.

"Indipendentemente da quanto viene picchiata, Demi Moore adora il sesso orale"

("G.I. Jane" di Ridley Scott
, 1997)