Sunday, May 30, 2010

Sarei laureato con 110 e lode






...e una tesi in Jokerologia applicata.
Probabilmente l'unico 19 l'avrei beccato all'esame di Street Fighting, ma non si può volere tutto dalla vita.
Purtroppo, come dicono sempre i genitori: "quando ero giovane io, queste facoltà non c'erano..."


Via Lega Nerd, via Gisella.




Wednesday, May 26, 2010

La crisi c'è, ma non si vede.






La crisi non esiste.
La crisi c'era ma è passata.
La crisi c'è, ma sta passando.
E va bene, cazzo di Italiani mai contenti, dobbiamo fare i provvedimenti d'urgenza. Ma è TUTTA COLPA DELLA SINISTRA!!

E poi non dite che non ve l'avevamo detto che c'era la crisi...


(Ma che cazzo ci sto ancora a fare in Italia?!)


Monday, May 24, 2010

Sui miei 29 anni e sul perchè non ho più paura di saltare oltre l'ostacolo.
(rispondendo a Giallosanmarino)







Tra gli auguri nel post precedente, Mary mi ha detto che stava per superare i 30 e mi ha detto di essere in pieno "decadimento psicofisico".
Scherzava, chiaramente. Il problema è che fino a poco tempo fa ero davvero in uno stato d'animo simile.
Ultimament ho cpaito che, mentre il tempo passava, e io stavo vivendo
in attesa di invecchiare. Ed è una roba che - solo a dirla - è un'aberrazione.

Perchè mi è successo?
Lutti, malattie e problemi in famiglia. In formato gigante e a distribuzione continua.
Pensavo di riuscire a superarli tirando la carretta e facendo finta di niente. Aspettavo che la tempesta passasse, mentre in realtà la tempesta ce l'avevo dentro e non volevo saperne di ammetterlo.

Ho deciso che la cosa migliore era affrontare e cambiare.
Riappropriarmi del mio presente.

La gente pensa che a 30 anni si debba essere in un certo modo. Diventi una persona seria, hai un lavoro e ti fai una famiglia.
Poi ti guardi in giro e vedi eserciti di millantati "bamboccioni", a cui non è permesso di emanciparsi perchè questo sistema fa schifo.
Se faccio una statistica, ogni 10 amici che ho, sono 2 quelli che hanno trovato un lavoro con una fonte economica decente.
Almeno 5 di loro non ha potuto scegliere di fare quello per cui hanno studiato anni e anni, laureandosi con lode. Una mia amica ha smesso di collaborare con uno studio di design, perchè a far la cameriera la sfruttavano meno e la pagavano meglio. Per dire...
Molti di loro hanno un lavoro che gli fa schifo.
Di questi 10, i tre che hanno una casa, una macchina e stanno mettendo su famiglia, molto probabilmente sono stati aiutati dai genitori.
Gli atri 7 fanno il meglio che possono, con quello che hanno.

E nessuno, nessuno di questi 10 ha una stabilità davanti.

Sulla base di questo, ho iniziato a vergognarmi un po' meno delle mie sfighe.
"Benvenuto nel mondo", mi sono detto.
Quando ho festeggiato i 28 ero alla ricerca di un traguardo che mi sembrava non arrivasse mai.
Ora che mi sono rotto il cazzo di aspettare e deprimermi, vedo un orizzonte di opportunità.

Perchè il grande vantaggio di essere precari è mettersi in testa che non hai
Davvero. Nulla. Da. Perdere.
In un mare di squali, vivere da pirati è l'unica via.

Nei prossimi mesi dedicherò il mio tempo a quattro sole cose: la tesi, la mia salute, gli amici.
Sono le uniche cose che contano davvero e che mi rendono felice.
Dopo avrò messo abbastanza vita sulle spalle e abbastanza ordine in quella vita. E potrò buttarmi in nuovi progetti creativi.
Ve l'ho detto che ho una storia da scrivere, no?

Quindi,
buon compleanno Fabrizio!



Sunday, May 23, 2010

Ah, per la cronaca...






La California non centra un cazzo, ma oggi ne faccio 29. Mi toccherà aggiornare il profilo sul lato... :D
Fatemi ancora un favore. Prendete un bicchiere che vi piace, con un vino che vi piace e brindate alla mia salute.
Ché quella serve sempre... -_____^

Finalmente gli zombie a Torino.






Per la cronaca, sì ci sto facendo un pensierino.
Di domenica a Torino non c'è niente di meglio che sgranchirsi le ossa per le vie del centro.
(Chè alla fine al cimitero monumentale tira sempre la stessa aria...)

QUI la pagina Facebook per seguire gli sviluppi della manifestazione.



Friday, May 21, 2010

Finalmente gli Zombie a Milano.







"Cosa voglio di più" è un film che non sarei andato a vedere nemmeno se mi avessero pagato per farlo. Nemmeno per un letto pieno di escort assatanate in un super-attico della Crocetta. Beh, forse per quello sì, ma diciamo che ce ne sarebbe voluta di roba per muovermi verso il cinema.
Sapete quanto costano gli attici in Crocetta, oggi?
Poi becco il post di Leonardo Tondelli sull' Unità.it.
Il sunto è cosa sarebbe successo a questo film, se nel secondo tempo ci fosse stata un' invasione di zombie.

Capite quando diciamo che Muccino, Moccia e anche Paolo Giordano sono parte del problema?
Pensate agli anni '70. Secondo voi uno come Soldini avrebbe ricevuto più finanziamenti di un Dario Argento, per confezionare questa cagata post-ultimo-bacio?

Le donne italiane sono davvero ridotte così male da sperare di "scoparsi" clandestinamente Pierfrancesco Favino nei cinema?
Sposo la teoria di Tondelli: il cinema dovrebbe fornire sogni, argomenti, pensieri.
Non scialbe e rigide copia della realtà.
O peggio, surrogati consolatori.


Thursday, May 20, 2010

Senza di me il mio Pantone non è niente; senza il mio Pantone io sono niente.




Ieri ho speso 50 euro al Cartoclub di Via Juvarra 26, qui a Torino.
Sono abbastanza, ma li ho spesi molto bene.

Ve lo segnalo, perchè è bello ogni tanto poter fare pubblicità alla gente preparata che lavora bene.
Quel Cartoclub è senza dubbio il migliore negozio di articoli per il disegno in città.
Una volta c'era Arte e Grafica, a pochi isolati da lì, ma hanno cambiato gestione qualche anno fa e le ragazze nuove, per quanto preparate, non hanno ancora la stessa esperienza dei precedenti proprietari.
Al Cartoclub si torna un po' indietro nel tempo, quando i negozianti conoscevano la loro merce a menadito e sapevano consigliare e accontentare i clienti.
Io ho fatto un bel rinnovo di pantone, ecoline, brush pen e matite varie.
Se fate grafica, design o fumetto, quello è davvero il miglior posto per trovare la roba che vi serve.
E sì, i pantone dell'immagine sono quelli vecchi, ma io li amo ancora disperatamente. Chiamatemi tradizionalista...


"Stanotte, vi porterete a letto il vostro PANTONE, e darete al vostro PANTONE un nome di ragazza, perché sarà quello l'unica RICARICA che voialtri
rimedierete qui dentro. I bei tempi dei ditalini alle vostre
Mary-Jane-Fica-Rotta con le loro belle mutandine rosa, sono finiti!
Siete sposati al PANTONE, quel coso fatto di... PLASTICA, e
rimarrete fedeli soltanto a lui!"



Wednesday, May 19, 2010

Tra il diabete e l'orchite: Matt Bellamy va sull'enciclopedia medica







E' uscito il singolo dei Muse per la colonna sonora di Twilight: Eclipse.
Io la vedo abbastanza come Francesca Fiorini, ma con meno entusiasmo verso il gesto tecnico. E Licia dice che è meglio di Execution Commentary, ma almeno con quella potevo fare head shaking. Era una Ramonessata.
Questa canzone trasuda miele e scatenerà un'epidemia di diabete.

Matt dice che ce l'aveva già in saccoccia. L'ha proposta per Twilight perchè prima di farla uscire con il nuovo album avrebbero dovuto aspettare un bel po'.

Dice che l'ha scritta quando l'ha mollato la ragazza, pensando a quei momenti iniziali della relazione, in cui hai la botta di serotonina e pensi che durerà per sempre.
Insomma, questa è l'essenza del rincoglionitismo maschile declinato in senso artistico.
Ovvero, prima sei una rock-star, le fan ti lanciano i reggiseni sul palco e la ragazza la chiami una volta ogni tanto.
Poi ti molla, ti tagli le vene e scrivi canzoni pucciose.

(ARGH...)

Insomma, Matt, "Love Is Our Resistance" porca paletta!
Ripigliati, ricordati dei reggiseni che devi ancora raccogliere.
Questo singolo ti porterà in sacco di soldi e un sacco di ragazzine urlanti. Magari dai due colpi alla Mayer, visto quanto era entusiasta di starvi vicino (sempre che non lo stia già facendo Dominic). Secondo me ne ha bisogno.
Ma soprattutto, ricordati di quella regola d'oro che c'è nella biografia di Marylin Manson:

"Per le rockstar i pompini sono come autografi e strette di mano."



(Il testo di Neutron Star Collision lo trovate QUI. Mettetevi l'insulina a portata di mano.)

Thursday, May 13, 2010

Phoenix Reborn






Non capitava da quando ho scritto "Mirror Blues" per Sanctuary. In realtà qualcosa d'altro era venuto fuori, qualche idea per possibili seguiti delle avventure di Ville Rouge. Ma non erano una vera e propria storia.
In quei feti di narrazione mancava l'ingrediente fondamentale: un vissuto umano.
G.L. parla della scrittura come di un atto d'amore, per lui è così.
Per me no.
Il disegno è un atto d'amore per me. Quando disegno trovo il mio posto nel mondo, faccio pace con me stesso.
La scrittura nasce dalla sofferenza. Scrivo quando sto male e quando riesco ad entrare in empatia col dolore degli altri. "Vivo" quel dolore su di me.

Ora le cose vanno così, così. E' un periodo di trasformazione, sto cambiando pelle come un serpente. Ho tenuto così tanta sofferenza dentro di me, negli ultimi quattro anni, da annullarmi come individuo. Un giorno, forse, quando starò un po' meglio e riuscirò a parlarne con più lucidità, racconterò qualcosa su questo blog.
Posso dirvi che sono successe cose nelle ultime 3 settimane, che hanno strappato il velo di isolamento che mi ero imposto.
Mi sono trovato - per la prima volta dopo tanto tempo - faccia a faccia con quel dolore, davanti alle cose che ho fatto e a quelle che non sono riuscito a fare e avrei dovuto.
Chiamatelo momento della verità, illuminazione, quello che volete.
Questo terremoto, perchè così l'ho vissuto, mi ha scagliato in questa sorta di "muta". Non sei più quello che eri, non sei ancora ciò che sarai.

Molti dicono che "o si scrive o si vive".
Io sono stato per tanto tempo senza fare nè l'una nè l'altra.
Ora sono tornato a vivere, il resto a questo punto verrà da sè.

Quello che conta davvero è che ORA ho una storia da raccontare.



Wednesday, May 12, 2010

Non mangiavo un gelato col cono dal 2006






Detto così potreste pensare che abbia fatto un fioretto, pur di far vincere Cannavaro e soci. Invece i miei quattro anni senza cono erano dovuti alla celiachia, che ho scoperto poco dopo aver festeggiato la Coppa del Mondo e sulla quale, nonostante i quattro anni passati a informarmi, trovo sempre qualcosa che non so.
Ad esempio i problemi di tiroide.
Pare che siano normali per i celiaci. Io ho perso 4 chili negli ultimi 4 mesi e pensavo fosse depressione.

Comunque, il motto di oggi è "meglio un celiaco in casa che un cilicio alla coscia".
Intanto io mi godo il gelato...


Tuesday, May 11, 2010

Non esce mai di casa senza






Da quando ha girato Iron Man 2, Robert Downey Jr. non può più fare a meno delle Ironette. E come dargli torto, dico io.
Questa foto è stata scattata durante un'ospitata allo show di Jay Leno. Se volete ripescarvela trovate tutta la puntata su questo bel sito cinese. Ho provato a embeddarlo, ma - come tutta la tecnologia cinese - fa quello che può.

L'esibizione delle Ironette è a 15 minuti dopo l'inizio.

La foto, dicevo, l'ha postata tale ladyskywalker13, che per la gioia dell' universomondo ha raccolto una bella gallery dedicata alle cheerleader de fero.
Godetevela e, se ci sono cosplayer in sala, prendete pure spunto per le prossime fiere.
Purtroppo l'unico costume documentato è una roba disgustosa e offensiva, quindi vi toccherà buttarvi sul custom.

Fateci sbavare, ragazze!


Sunday, May 09, 2010

Christopher Nolan, mi fai sesso.







Se tu fossi donna, caro Chris, probabilmente ti sarei saltato addosso.
Hai partorito la migliore rappresentazione cinematografica di Batman e di questo te ne sarò grato in eterno. Ma prima, dopo e durante i Pipistrelli hai sfornato un film più figo e cervellotico dell'altro.
Hai piegato la struttura narrativa come una graziella e te la sei portata a spasso dove cazzo volevi.
Dopo Memento e The Prestige non so davvero cosa chiederti di più: mi hai regalato talmente tanti orgasmi da stendermi per terra stremato.

Ormai è diventata una cosa fisica tra noi due, Chris.
Fai di me ciò che vuoi...



La sinossi di Inception da CineBlog:

L’acclamato regista Christopher Nolan dirige un cast internazionale in un originale film d’azione fantascientifico che viaggia in tutto il mondo e nel mondo intimo e infinito dei sogni. Dom Cobb (Leonardo DiCaprio) è un abile ladro, il migliore assoluto nell’arte pericolosa dell’estrazione, che consiste nel rubare segreti preziosi dal profondo del subconscio durante lo stato di sogno, quando la mente è più vulnerabile. La rara capacità di Cobb ha fatto di lui un giocatore ambito nell’infido mondo del nuovo spionaggio aziendale, ma ne ha anche fatto un latitante internazionale e gli è costato tutto ciò che ha mai amato. Ora a Cobb viene offerta una possibilità di redenzione. Un ultimo lavoro potrebbe restituirgli la sua vita, ma solo se riuscirà a realizzare l’impossibile-incipit. Al posto della rapina perfetta, Cobb e il suo team di specialisti devono fare il contrario: il loro compito non è quello di rubare l’idea, ma di piantare una. Se riusciranno, potrebbe essere il crimine perfetto. Ma nè un’attenta pianificazione, nè le grandi competenze della squadra, sono in grado di prepararli ad un pericoloso nemico che sembra prevedere ogni loro mossa. Un nemico di cui solo Cobb ha potuto prevedere l’arrivo. Questa estate, la vostra mente è la scena del crimine.


Da notare che nel cast c'è mezzo Batman Begins, con l'immancabile Michael Caine che torna al film di rapina, dopo il mitico Italian Job girato a Torino.

Arriva in Italia il 3 settembre e ho già l'hipe a mille...

Per Via della Forza, girare a destra...







Ci sono cose non riusciresti a pensare nemmeno nei tuoi sogni nerd più vergognosi.
Eppure l'idea di un maestro Jedi o Sith che ti guida è un po' l'uovo di colombo della nerditudine.
Hanno avuto la geniale idea quelli del Tom Tom, che nei prossimi mesi renderanno acquistabili le voci dei personaggi di Star Wars per il vostro navigatore satellitare.
Il primo ad uscire è stato Darth Vader e basta guardare il video qui sopra per sapere come sono andate le registrazioni.
Anakin - lo sappiamo bene - è uno che non ha molta pazienza...


Ho visto Iron Man 2 già due volte e in entrambi i casi ho assistito alle reazioni di giubilo per la scena segreta dopo i titoli di coda. Credetemi, è un bel momento per essere nerd.
Dieci, quindici anni fa i film di Batman erano robe per ragazzini brufolosi (proprio come ero io in quel tempo). Ora non c'è evento cinematografico o televisivo che non sia prodotto da nerd. I truzzi hanno abbandonato Vin Diesel e lo hanno sostituito con Tony Stark. La Adidas dedica un'intera collezione a Star Wars.
Insomma, ci siamo infiltrati nelle stanze dei bottoni e ora ci stiamo godendo gli esiti.
Il problema sarà non appiattirsi troppo nel ruolo del target.

Avete fatto caso quante domande sui super-eroi stanno spuntando all'Eredità? C'è sicuramente un appassionato tra gli autori...


Thursday, May 06, 2010

Pubblicità di ieri, pubblicità di oggi.





Ieri discutevo con mio padre sul cambio di brand per i punti vendita del gruppo Carrefour.
Da un lato ci sono due marchi in meno nelle strade (G.S. e Dì per Dì). Dall'altro il marchio Carrefour viene urlato ad ogni angolo (con le varianti Market ed Express) rafforzandolo, dicono gli esperti. Ma sarà davvero così?
Io inizio a non poterne più di tutta questa montagna di loghi che circondano ogni passo della nostra vita. E il video qui sopra racconta molto bene la sensazione e il cambio di comunicazione che c'è stato dagli anni '50 ad oggi.



Step by step.






L'ho annunciato poco fa su Facebook: oggi sono di un passo più vicino alla consegna della tesi.
Ho finito
le tavole di oggi un po' prima del solito e adesso mi preparo psicologicamente per la revisione di stasera.
Cinque ore di tempo per stampare, preparare la presentazione migliore, ma soprattutto fare spazio nella mia testa e arrivare lì concentrato.
Ogni passo in questa direzione è una goccia d'acqua sotto il sole del deserto.
Mancano otto revisioni fondamentali prima della fine. Questa è la numero uno.

Sto iniziando a crearmi un'immagine di come sarà quando avrò finito. Subito dopo la presentazione, quando toccherà solo ai professori discutere e decidere.
Insomma, quando non sarà più un problema mio.
Il sollievo.
Sto dipingendo un traguardo e più i colori sono nitidi, più la meta si avvicina.

Goccia dopo goccia.
Passo dopo passo.


Photo by ~HappyYeyeGirl


Tuesday, May 04, 2010

Guzzanti Santo Subito.







E se pensate che siano solo cazzate per far ridere la gente, provate a chiedere a qualche fedele di buon senso come Gianrico cosa ne pensa... ;)


Ossimoro metropolitano




"Porta più rispetto per le donne o sparo a questa Putt*#§!"


Monday, May 03, 2010

Voi che vi siete persi





la mia presentazione di Sanctuary alla Libreria Linea 451, potete ascoltare la registrazione qui.
Si parla di urban fantasy, di Supernatural e chi più ne ha ne metta.
E poi c'è la mia voce da paperotto. Meno male che c'è quella di Laura a dare un tono melodico alla conversazione.

(Squek! Squek!)